Ucraina, ad Avigliano Umbro e Montecastrilli iniziativa “Tessiamo insieme la pace”

E’ in programma il 26 marzo ad Avigliano Umbro e Montecastrilli l’iniziativa “Tessiamo insieme la pace”. Questo il comunicato stampa dell’organizzazione: “Il 4 marzo 2022 si è costituito il coordinamento per la pace delle comunità di Montecastrilli ed Avigliano Umbro “Facciamoci con creatività artigiani della pace”. Questa frase pronunciata da don Piero durante la fiaccolata per la pace tenutasi a Montecastrilli il 3 marzo 2022 riassume perfettamente il senso e gli impegni del coordinamento. I territori di Montecastrilli ed Avigliano si caratterizzano per una forte cultura di reciprocità e solidarietà.

La presenza e la vicinanza degli amministratori e delle amministratici comunali e di tante associazioni, cittadini, parrocchie che da sempre condividono con la scuola l’imprescindibile promozione di una educazione ai valori fondanti della nostra cultura civile e spirituale lo dimostra anche questa volta. In questo momento così difficile per la vita di ciascuno di noi, è fondamentale capire insieme come “educare alla pace” direbbe Maria Montessori, unico modo per costruire la pace. La condivisione può aiutarci a stare vicini ed a comprendere i modi migliori per sostenere i bambini e i ragazzi in questo momento.

Come educare senza nascondere l’assurdo che è nel mondo, aprendosi ad accogliere, imparando a diventare con il mondo? Come sostenere i bambini e i giovani provando a “rammendare”, a cercare un senso, narrare, rasserenando e costruendo momenti di bellezza ed armonia? Come costruire una adeguata accoglienza per i profughi che arriveranno? Come aiutare sapendo di cosa davvero c’è bisogno? Come vivere questo presente come artigiani di pace? Queste le tante domande che il Coordinamento intende affrontare insieme. Partecipano al coordinamento i Comuni, le scuole, moltissime associazioni territoriali, le pro loco, le parrocchie, le protezioni civili, gli scout, la Casa famiglia e la Croce Rossa di Avigliano. Due sono gli aspetti di cui il coordinamento intende occuparsi: uno che riguarda le modalità che ciascuno nel proprio specifico settore, ma in rete, può mettere in campo per far diventare questo momento un’occasione per ribadire il ripudio alla guerra ed il grande valore della pace; l’altro riguarda come prepararci anche ad accogliere donne e bambini che arriveranno.

Il 26 marzo alle ore 18,00 presso le piazze dei due comuni tutto il territorio sarà coinvolto in un grande rito di cittadinanza di comunità. I plessi scolastici stanno realizzando una staffetta di poesia che sarà scritta in un enorme telo bianco predisposto dalle sarte. I bambini più piccoli potranno colorare la poesia con i loro disegni di pace, mentre tutto intorno le famiglie, le associazioni, gli enti, i cittadini potranno cucire tessere colorate dove avranno tessuto i loro impegni concreti per la pace.  Si potranno ascoltare letture, musiche dal vivo suonate dalle bande delle scuole di musica locali, assistere a flash mob degli scout. I piccoli delle primarie stanno intrecciando braccialetti di pace da vendere nell’occasione per raccogliere fondi per l’Ucraina. Il grande telo tessuto insieme per la pace sarà posto a sventolare come uno stendardo lungo le facciate dei due edifici comunali e all’imbrunire saranno accese le luci delle scuole e dei palazzi pubblici ad illuminare la pace”.

Print Friendly, PDF & Email