Home / Archivio / Il mercato del mercoledì si sposta a vocabolo Staino: proteste e lamentele | FOTO

Il mercato del mercoledì si sposta a vocabolo Staino: proteste e lamentele | FOTO

Protestano i commercianti che danno vita all’ormai ex mercato del Foro Boario del mercoledì. Con l’area interessata dai lavori per il palasport, le bancarelle si spostano a vocabolo Staino, lì dove di solito stazionano Luna Park e circo. Uno spostamento inizialmente voluto per il 3 giugno, ma anticipato ad oggi. Questo ha fatto scattare la protesta e il malcontento, visto che molti si sono recati al solito posto ma hanno trovatole forze dell’ordine dalle quali sono stati indirizzati all’area in cui solitamente viene installato il luna park. (l’articolo continua sotto)

L’assessore Stefano Fatale, presente anche stamattina, aveva annunciato il tutto sul sito del Comune: “Il mercato del mercoledì, già da domani 27 maggio, tornerà ad essere completo con tutti i banchi sia dell’alimentare che del settore non alimentare”. “La soluzione che siamo riusciti a individuare per questa rilocalizzazione provvisoria – dice l’assessore al commercio  – è la migliore possibile in questa fase d’emergenza, perché, considerate le dimensioni del piazzale (quello normalmente destinato agli spettacoli viaggianti, il luna park e i circhi che non si svolgono nel periodo estivo) sarà possibile rispettare tutte le normative sul distanziamento. Ad ogni banco infatti sarà assicurata un’area di 10 per 4,5 metri. Ogni area sarà distanziata di due metri dall’altra e sarà anche possibile realizzare corsie di sei metri di larghezza per i cittadini che si recheranno a fare acquisti. Si tratta inoltre di una soluzione che è stata discussa con le associazioni di categoria del commercio, dell’agricoltura e dei consumatori e che consente di mantenere il mercato a ridosso del centro e in un’area servita da sufficienti parcheggi”.

“Il terreno non è adatto – contestano gli operatori commerciali, come riporta Umbria24 – al minimo filo d’aria si alza un gran polverone e poi non vediamo i bagni, così non va. L’area non è adeguatamente attrezzata”.
Foto: Monica VITALI ©
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*