Home / Archivio / Il cinema entra a scuola: l’istituto Fanciulli di Arrone promuove la settima arte

Il cinema entra a scuola: l’istituto Fanciulli di Arrone promuove la settima arte

Cinema come sguardo sul mondo, momento di riflessione e strumento per affrontare alcune tematiche specifiche, quali la diversità, la guerra, l’uso dei mezzi di comunicazione, i cambiamenti climatici e ambientali e il rapporto con se stessi e le proprie aspirazioni. Da qui nasce la volontà dell’istituto comprensivo “G. Fanciulli” di Arrone (Terni), guidato dalla dirigente Gabriella Pitoni, di offrire ai ragazzi dell’ultimo anno della scuola secondaria di primo grado cinque pomeriggi dedicati proprio alla settima arte, con il progetto “Il cinema a scuola: uno sguardo sul mondo”, curato dalla docente Sara Michelucci e che vede la preziosa collaborazione del regista e fotografo Fabrizio Borelli.
“Penso che la scuola debba essere punto di riferimento delle attività culturali di un territorio e che per questo sia tenuta a collaborare con tutte le realtà locali”, dichiara la dirigente Pitoni.  “Questa convinzione mi ha portato ad avviare ‘Patti per la lettura’ con comuni e associazioni locali e a dare piena adesione e totale supporto al progetto di cineforum propostomi dalla docente Michelucci. Durante gli incontri, i ragazzi avranno l’opportunità di confrontarsi su temi sempre attuali: dall’amicizia all’ambiente, dalla diversità all’inclusione, a seguito della visione di pellicole note quanto coinvolgenti. Questi appuntamenti costituiranno un momento altamente formativo in cui si utilizzerà un linguaggio diverso da quello quotidiano: il linguaggio cinematografico. Desidero ringraziare, oltre alla docente Michelucci, il regista Fabrizio Borelli che ha mostrato una grande generosità rendendosi disponibile a partecipare agli incontri e che, con la sua esperienza nel settore, aiuterà i ragazzi a comprendere il mezzo cinematografico e ad addentrarsi nei campi comunicativi ed espressivi propri del cinema”, aggiunge. Il cineforum aprirà il 26 febbraio per concludersi il 25 marzo. Un appuntamento settimanale, attraverso il quale affrontare tematiche diverse, dalla diversità alla tutela ambientale, passando per temi generazionali e storici. Ogni film sarà accompagnato da una breve scheda tecnica attraverso la quale i ragazzi potranno avere le prime nozioni su cosa significhi fare un film e su quali siano le diverse maestranze che lavorano nel cinema: regista, attori, sceneggiatore, produttore, etc. Inoltre, gli alunni potranno confrontarsi con il regista Fabrizio Borelli, il quale spiegherà come nasce e si sviluppa un racconto cinematografico, focalizzandosi sull’uso delle immagini, dei suoni, delle parole.
Grande spazio sarà dato alle domande dei ragazzi, proprio per promuovere un dibattito costruttivo sulle tematiche affrontate. A conclusione del ciclo di film, agli studenti sarà chiesto di produrre un testo scritto, in cui sceglieranno di parlare di uno dei temi narrati e affrontati sul grande schermo.
Foto: TerniLife ©
Print Friendly, PDF & Email