Home / Archivio / Commercio in sofferenza, anche ‘Il Monello’ chiude

Commercio in sofferenza, anche ‘Il Monello’ chiude

Sarà stato il 2020 a portare tante preoccupazioni? Il commercio ternano è in sofferenza. Le vetrine, in centro città, hanno sempre più spesso le saracinesche abbassate. Negozi storici decidono di chiudere a fine anno, come Il Monello di piazza del Popolo che a dicembre, dopo 39 anni al servizio dei bambini e dei loro genitori, saluta tutti. Anche la farmacia Morganti, di corso Vecchio, ha lasciato tutti questa estate. Stessa fine, i ristoranti cinesi e giapponesi: da quando è arrivato il Covid a interrompere la nostra quotidianità, anche essi hanno deciso di chiudere i battenti. Anche il negozio di abiti su misura per cerimonie di via Primo Maggio ha lasciato i locali vuoti. La boutique Betty Oliva si è trasferita in un fondo più piccolo. I negozi di abbigliamento a conduzione familiare devono fare i conti con la tassazione, sempre più alta, con le conseguenze dell’emergenza sanitaria e con i cittadini che sono sempre più in povertà. Oggi, a fare notizia è l’apertura di un negozio di vestiti, probabilmente. Anche qualche franchising che era in centro ha deciso di mollare, come Pittarosso di corso Tacito. Un centro commerciale naturale che sembra diventare un deserto.

Foto: TerniLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*