buffetti
buffetti
morani
Italia Life
tecno adsl

#NoMotoriSuiSentieri: 5-6-7 aprile firma days in Umbria

Una firma per tutelare pascoli e sentieri di montagna dall’accesso indiscriminato dei veicoli a motore e dire no alla politica nera della destra sulle questioni ambientali. Così il Movimento 5 Stelle Umbria intende dare forza alla proposta verso i sindaci dei 92 comuni umbri di adottare un Regolamento comunale sulla scia di quello che l’assessore Luca Tramini ha presentato al Comune di Narni. Un Regolamento che tutela la montagna e chi vuole viverla con rispetto e attenzione, per la fruizione in sicurezza di sentieri, mulattiere e pascoli e l’interdizione al traffico motoristico nelle aree di pregio, nei percorsi turistici e nei cammini spirituali. Il regolamento è già stato proposto in alcuni comuni dove siamo presenti in giunta, ad esempio oltre al Comune di Narni, nei comuni di Spoleto e Assisi.
Dal 1 gennaio 2024, la giunta Tesei ha trasformato sentieri, boschi e pascoli dell’Umbria in autostrade per mezzi a motore. Lo ha fatto con un emendamento della leghista Emanuela Puletti inserito nella legge di Bilancio di Previsione 2024, già approvato dalla Regione, che modifica l’art. 7 della legge regionale 28/2001. Emendamento approvato senza alcuna istruttoria, senza alcun dibattito o approfondimento nella Commissione competente, senza aver audito alcun portatore di interesse e senza alcuna valutazione nel merito da parte degli uffici tecnici dell’Assemblea legislativa, né della giunta regionale. Così la giunta ha dato il via libera a ogni tipo di transito dei veicoli a motore sui sentieri e mulattiere, creando un vuoto normativo che mette a rischio chi ogni giorno vive la montagna. Scaricando su comuni, comunanze e realtà che vivono i territori, in particolare aree interne, l’onere anche economico di tabellare i sentieri. Un obbligo che le finanze delle amministrazioni locali non potranno sostenere e che saranno causa nella migliore delle ipotesi di debiti fuori bilancio, se non di vere e proprie omissioni di legge.
La montagna va difesa e protetta, non depredata. Contro questa follia il Movimento 5 Stelle Umbria si è battuto fortemente in consiglio regionale appoggiando la protesta di agricoltori, associazioni ambientaliste e CAI che minacciano ricorso al TAR. Manifestazioni contro questa norma leghista già si sono fatte sentire. Anche in Parlamento il Movimento 5 Stelle si sta facendo sentire. Il vicepresidente della Camera Sergio Costa, ex ministro dell’Ambiente e coordinatore del Comitato Pianeta 2050, con il supporto di Emma Pavanelli ha presentato un’interrogazione al ministro Pichetto Fratin perché la norma leghista adottata in Umbria va contro diverse Direttive europee, tutte volte a tutelare la biodiversità e gli ecosistemi.
La sciagurata norma leghista va contro tutti e crea problemi in differenti settori. Va contro chi vive e lavora faticosamente in quelle zone che sono un patrimonio prezioso da preservare e non il parco giochi di pochi. Il passaggio indiscriminato di mezzi a motore causerebbe danni irreparabili al terreno, alla flora e alla fauna selvatica, con un impatto devastante sull’ecosistema montano, danneggiando anche le tartufaie, una risorsa preziosa per il territorio. Senza dimenticare il disagio e i potenziali danni per le imprese agricole che investono in queste aree. Impossibile immaginare controlli adeguati da parte delle autorità a causa della vastità della rete sentieristica, con il rischio di un proliferare di abusi. Il danno non sarebbe solamente per gli umbri, ma anche per i turisti.
L’atto deregolamenta ogni tipo di transito di veicoli a motore senza tabellazione esplicita anche su aree di pregio e percorsi spirituali di enorme interesse come la Via di Francesco, il Cammino dei Protomartiri o il Cammino dei Borghi Silenti, solo per citarne alcuni. Un danno di immagine e materiale incalcolabile per l’Umbria. Un attacco al cuore verde d’Italia perpetrato dalla destra più nera di sempre. Immaginate di camminare lungo il mistico Sentiero di San Francesco, immersi nella quiete dei boschi, o di percorrere il suggestivo Cammino di San Benedetto, respirando l’aria pura della nostra terra. Pensate davvero che un turista o un cittadino debba attraversare questi luoghi sacri schivando mezzi a motore che sfrecciano a tutta velocità?
La raccolta firme del M5S tutela gli stessi enduristi che amano vivere la montagna nei modi e nei luoghi idonei, e vuole permettere a cercatori di funghi, allevatori e cacciatori di muoversi in sicurezza. Questo pastrocchio normativo, infatti, lascia spazio a discrezionalità di interpretazione e rischia di mettere in difficoltà, a causa delle pesanti multe, sia gli organi preposti ai controlli sia chi svolge queste attività. Era difficile unire cacciatori e ambientalisti nello scontento per un provvedimento che li riguarda entrambi, ma la giunta Tesei sembra esserci riuscita.
Ecco i punti della raccolta firme per fermare questa follia e impedire che la giunta Tesei trasformi sentieri, boschi e pascoli della regione in autostrade per mezzi a motore.
Venerdì 5 aprile
BASTIA UMBRA: 9:00-13:00, Largo Pino Lancetti (adiacente chiesa San Rocco)
Sabato 6 aprile
PERUGIA: 9:00-19:00, Via Caprera 30 (Sede gruppo territoriale)
TERNI: 9:00-19:00, Largo Villa Glori
FOLIGNO: 16:00-19:00, Corso Cavour
CITTA’ DI CASTELLO: 9:00-13:00, Piazza Matteotti
UMBERTIDE: 9:00-13:00, Via della Stella
CITTA’ DELLA PIEVE: 9:30-12:30, Mercato
AMELIA: 10:00-18:00, Viale dei Giardini
Domenica 7 aprile
PERUGIA: 9:00-19:00, Corso Vannucci
TERNI: 9:00-19:00, Largo Villa Glori
FOLIGNO: 16:00-19:00, Corso Cavour
ASSISI: 9:00-13:00, P.zza Garibaldi – Santa Maria degli Angeli
AMELIA: 10:00-18:00, Viale dei Giardini
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*