buffetti
buffetti
cottorella
Italia Life
tecno adsl

“Rafforziamo la dimensione di Terni come città universitaria”

Lunedì 20 marzo dalle ore 16.30 alle ore 18.30 in biblioteca comunale- sala videoconferenze, Terni Festival-didattica, innovazione, ricerca e territorio torna con il quinto appuntamento della sua prima edizione sul tema dello sviluppo sostenibile e lo fa parlando di sostenibilità tra economia e diritto.
Interverranno Luca Castelli, professore associato di Diritto pubblico nel Dipartimento di economia dell’Università degli Studi di Perugia; Federica Innocenti, professore associato di Diritto commerciale presso il Dipartimento di economia dell’Università degli Studi di Perugia; Alessandro Montrone, professore ordinario di Economia aziendale presso il Dipartimento di economia dell’Università degli Studi di Perugia e Loris L.M. Nadotti, professore ordinario di economia degli intermediari finanziari nel Dipartimento di economia dell’Università degli Studi di Perugia.

“Un festival – dichiara l’assessore all’Università del comune di Terni Cinzia Fabrizi – che vuole valorizzare l’identità di Terni quale città universitaria e che è stato pensato anche per rendere visibile l’elevata qualità dell’offerta formativa dell’Università nella sua sede ternana. Il festival è il risultato del Protocollo di Intesa sottoscritto tra l’associazione culturale Per Terni città universitaria, l’Università degli studi di Perugia e il Comune di Terni ed è articolato in una serie di incontri con cadenza più o meno mensile, dedicati, per questa prima edizione al tema dello sviluppo sostenibile. Ogni giornata è suddivisa in due momenti fondamentali: la mattina sono coinvolti gli studenti degli istituti superiori della città mentre nel pomeriggio gli stessi relatori incontrano la cittadinanza. I risultati fin qui ottenuti in termini di presenze sono di sicuro un valido sprone a proseguire.
Questo nella convinzione che Terni può rafforzare la sua dimensione di città universitaria inserendo il Polo Scientifico Didattico sempre più nel contesto vitale della città e creando un rapporto sempre più stretto con il tessuto produttivo e occupazionale del territorio”

Print Friendly, PDF & Email