buffetti
buffetti
morani
tecno adsl
Italia Life

Giornata nazionale del Fiocchetto Lilla: incontro di formazione a Perugia

Conoscere le diverse declinazioni dei disturbi alimentari, i percorsi terapeutici attivati per tutte le fasce di età, nonché  diffondere competenze specifiche multiprofessionali per il trattamento della patologia: questa la finalità dell’incontro che si è svolto oggi a Perugia alla Sala Brugnoli di Palazzo Cesaroni, al quale hanno preso parte professionisti che operano nelle strutture delle Asl e della Aziende ospedaliere dell’Umbria con uno spaccato  riservato al racconto di esperienze.

L’iniziativa era organizzata dal Centro unico di formazione regionale in sanità.

La giornata si è aperta con i saluti della vicepresidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Paola Fioroni, che ha ricordato che a breve andrà in approvazione la legge sui disturbi del comportamento alimentare già passata al vaglio in commissione. “Queste problematiche – ha detto Paola Fioroni – coinvolgono una fascia della popolazione sempre più giovane e di entrambi i sessi. Ecco perché è importante garantire prevenzione e cura attraverso una rete strutturata che coinvolge i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta”.

“Il 15 marzo – ha detto a margine dell’iniziativa l’assessore alla Salute della Regione Umbria, Luca Coletto – è la giornata nazionale dedicata alla sensibilizzazione della popolazione verso queste patologie che rappresentano una vera e propria emergenza sanitaria in particolare dopo l’epidemia prodotta dal covid. Le restrizioni conseguenti alla pandemia infatti, hanno prodotto un aumento di casi nella fascia infantile, preadolescenziale e nel mondo maschile”.

L’Assessore ha quindi ricordato che “in Umbria è attiva una rete finanziata con risorse pari a 372 mila 500 euro suddivisi tra le Aziende sanitarie e Ospedaliere”.

E’ stato inoltre istituito un Tavolo tecnico composto da tutti i rappresentanti delle diverse unità ospedaliere e dalle associazioni delle famiglie con l’obiettivo di individuare azioni per migliorare l’assistenza ai pazienti affetti dalla patologia e avviare iniziative di prevenzione.

Il Percorso Lilla nei Pronto soccorso  prevede una rapido riconoscimento della problematica e presa in carico dei pazienti con percorsi differenziati e personalizzati.

La formazione coinvolgerà tutti gli operatori e saranno organizzate campagne per diffondere l’informazione nella popolazione.

Foto: TErniLife ©

Print Friendly, PDF & Email