Uccidono più selvaggina del consentito e postano il video sui social: sospesa la licenza a due cacciatori

Una battuta di caccia fuori da ogni regola è costata la sospensione della licenza a due cacciatori ternani, di 52 e 55 anni, saliti gli onori della cronaca qualche settimana fa per aver postato sui social un video, diventato subito virale.

I due, dopo aver ucciso una quantità di selvaggina notevolmente superiore al consentito nel Lazio – 180 tordi bottaccio in due, al posto dei 20 a persona previsti dalla legge – l’avevano adagiata sul cofano di un’auto ed, orgogliosi, avevano girato un video che poi avevano pubblicato sui loro profili.

La cosa non è passata inosservata, né alle associazioni ambientaliste, né ai tanti altri cacciatori che praticano l’attività venatoria nel rispetto delle regole, né tantomeno ai Carabinieri Forestali che hanno subito avviato un’indagine che ha portato all’identificazione degli autori dell’impresa.

Dopo la sanzione amministrativa di 206 euro a testa, è scattata per loro la sospensione della licenza di porto di fucile per uso caccia per 30 giorni, provvedimento emesso dalla Divisione Amministrativa e Sociale della Questura di Terni a firma del Questore Bruno Failla.

Foto: TerniLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*