Home / Archivio / Consegnate al sindaco 500 firme per aprire la casa museo di Passavanti

Consegnate al sindaco 500 firme per aprire la casa museo di Passavanti

Consegnata nelle mani del sindaco Latini  la petizione popolare per “aprire la casa museo di Elia Rossi Passavanti”.
“Abbiamo raccolto queste firme -spiegano il cittadino Danilo Sergio Pirro e il consigliere comunale Michele Rossi – il significativo traguardo delle 500 sottoscrizioni, affinché​ l’obbiettivo dell’apertura della casa museo di Elia Rossi Passavanti si realizzi il prima possibile.
La casa museo deve nascere non solo per rispetto della volontà del Passavanti, ma deve rappresentare per la città di Terni un polo di cultura storica, umanistica, giuridica in linea con la formazione e gli studi dell’eroe ternano.
Immaginiamo quindi un luogo di cultura di livello nazionale in rapporto con la casa di D’annunzio a Pescara, con il Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera; dove il “luogo museo” sia di insegnamento di vita, di formazione per le nuove generazioni, e non un semplice spazio espositivo.
Nell’adiacente Palazzo Carrara potrebbero essere esposti i documenti dell’archivio Passavanti, dando rilievo anche all’opera della moglie di Passavanti, Margherita Incisa di Camerana, crocerossina, e fra le poche donne a partecipare all’Impresa Fiumana.
La cultura è politica, cioè politica di sviluppo del territorio.
La città di Terni ha “fame di memoria”, ha bisogno, soprattutto in questo periodo di crisi, di ritrovare quei riferimenti della sua storia che l’hanno resa grande e le hanno dato quel ruolo di città di lavoro e di ingegno per i quali si è distinta in Italia e nel mondo.
Certi che questo nostro appello verrà ascoltato.
Abbiamo allegato alla petizione l’atto di indirizzo del Consigliere Michele Rossi (Terni Civica) che ha la stessa finalità e che è già stato votato favorevolmente dalla competente commissione consiliare permanente e che presto approderà all’attenzione del consesso civico”.
Foto: TerniLife ©
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*