Home / Archivio / Umbra Control: controllo accessi “smart” in aiuto alla gestione dell’emergenza Coronavirus

Umbra Control: controllo accessi “smart” in aiuto alla gestione dell’emergenza Coronavirus

Dalle fabbriche agli uffici, fino alle scuole. Sono numerose le applicazioni della tecnologia sviluppata da Umbra Control, azienda perugina specializzata in integrazione di sistemi, per agevolare la gestione della vita sociale e lavorativa in piena sicurezza durante l’emergenza Coronavirus.

Di recente, il sistema con termoscanner che rileva temperatura corporea e presenza della mascherina correttamente indossata, è stato scelto dal Liceo scientifico, musicale e coreutico “Guglielmo Marconi” di Pesaro. L’istituto scolastico marchigiano ha adottato, dallo scorso settembre, la soluzione messa a punto dall’azienda umbra per prevenire il contagio attraverso il controllo degli accessi nei luoghi chiusi.  “Già prima della ripresa delle lezioni – racconta il Dirigente scolastico del Liceo “Marconi”, Riccardo Rossini – ci siamo attivati per tutelare le persone che gravitano nel contesto scolastico. Tra gli accorgimenti adottati, anche l’utilizzo del termoscanner all’ingresso, fondamentale per individuare persone con la febbre. Per questo ci siamo rivolti ad Umbra Control, che ha competenze importanti e fornisce sistemi professionali per questa esigenza”.

Efficace e flessibile, il controllo accessi Umbra Control unisce tecnologia e funzionalità, garantendo una rapida verifica dei flussi.

Un sistema adatto alle scuole di ogni ordine e grado, per consentire lo svolgimento in sicurezza dell’attività didattica laddove è consentita in presenza e in vista di una piena ripresa delle lezioni in aula.

“Il nostro sistema è semplice – spiega Mauro Marchi, Responsabile Commerciale Umbra Control –; una telecamera a infrarossi, posta all’ingresso della scuola, riprende in automatico gli studenti che entrano, rilevando temperatura corporea e mascherina indossata. Una luce LED rossa o verde comunica ai ragazzi l’accesso autorizzato e il flusso scorre rapidamente senza pausa. In tempo reale, un operatore monitora l’ingresso su pc o smartphone visualizzando eventuali alert di casi anomali, cioè con temperatura superiore a 37,5° o senza mascherina. Quindi, non serve una persona che manualmente rilevi la temperatura degli studenti e si esponga di conseguenza anche ad un rischio diretto di contatto e assembramenti. Il nostro sistema fa tutto da solo e può riprendere fino a 30 persone contemporaneamente. E parliamo di dispositivi certificati”.

Quello proposto dall’azienda perugina è un sistema che si distingue da altri strumenti generalmente utilizzati, come i classici termometri, con vantaggi di sicurezza e gestione. È, inoltre, una soluzione che si adatta a contesti e necessità diverse.

Non solo istituti scolastici, dunque, ma anche palazzetti sportivi, musei, aziende, uffici, centri commerciali: sono molteplici i contesti che possono utilizzare questa tecnologia in un’ottica di prevenzione.

“La nostra soluzione – sottolinea Mauro Marchi – può considerarsi ‘extra Covid’. Con questo strumento, infatti, si può gestire il controllo accessi e ottimizzare la gestione del personale, garantendo una tutela sia della salute che del lavoro. Una sinergia a servizio di persone e produttività. In situazioni di emergenza, come quella in corso, la capacità di reazione può fare la differenza. Per questo è importante attivarsi e scegliere soluzioni di qualità e flessibili, che di certo resteranno utili per i tempi a venire”.

Foto: Unindustria ©

Print Friendly, PDF & Email