Home / Archivio / Polizia blocca maxi rete di spaccio sulla piazza ternana. È l’operazione ‘Mastro Birraio’

Polizia blocca maxi rete di spaccio sulla piazza ternana. È l’operazione ‘Mastro Birraio’

Foto: Monica VITALI ©

(da comunicato della Polizia) Nelle prime ore di ieri, a Terni, i militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Terni, coadiuvati da quelli delle Compagnie di Terni, Amelia ed Orvieto e con il supporto di unità antidroga del Nucleo Carabinieri Cinofili di Roma, hanno portato a termine la fase conclusiva di una vasta e complessa attività investigativa che ha consentito di individuare e sgominare l’attività di spaccio di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti posta in essere da alcuni cittadini italiani, tunisini e marocchini sulla piazza ternana. Il gruppo criminale, che aveva base operativa in questo capoluogo e contava sul contributo di ben 12 persone (5 italiani e 7 nordafricani), smistava sul mercato cittadino stupefacente, principalmente eroina e cocaina.

L’indagine, diretta e coordinata dalla Procura della Repubblica di Terni – dal Procuratore della Repubblica Dott. Alberto Liguori e dal Sost. Dott. Mathias Viggiano – ha portato all’emissione, da parte del GIP del Tribunale di Terni, di un’ordinanza di misura cautelare per spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, nei confronti di 9 indagati, destinatari dei seguenti provvedimenti restrittivi della libertà personale:

  • 6 della misura cautelare in carcere;
  • 3 della misura degli arresti domiciliari;

L’attività investigativa, avviata nel settembre 2019 e sviluppata utilizzando metodi d’indagine di natura tradizionale supportati da attività tecniche, ha permesso di:

  • delineare le singole condotte degli indagati (di cui 1 già detenuto presso la Casa Circondariale di Perugia);
  • stimare i proventi dell’attività delittuosa in ca. 2.000 euro giornalieri;
  • trarre in arresto in flagranza di reato n. 2 persone per medesimi reati e sequestrare complessivamente 2.400 gr, di Hashish, e 4 gr. di cocaina 0,5 gr, di eroina (come da segnalazioni allegate);
  • riscontrare oltre 250 cessioni al dettaglio di sostanze stupefacenti del tipo eroina, cocaina e hashish.

L’indagine, che è stata convenzionalmente denominata “MASTRO BIRRAIO” in quanto si è accertato che la sostanza stupefacente veniva indicata come “birra” o “bottiglia”, ha consentito l’individuazione di centinaia di assuntori alcuni dei quali a loro volta dediti ad un’illecita attività di spaccio “a cascata”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*