Home / Archivio / Covid-19, iniziative per bambini: Ad Acquasparta favole in diretta facebook, a Montecchio Comune porta compiti cartacei a casa

Covid-19, iniziative per bambini: Ad Acquasparta favole in diretta facebook, a Montecchio Comune porta compiti cartacei a casa

Le amministrazioni comunali si mobilitano per venire incontro anche ai giovani. Acquasparta e Montecchio hanno infatti avviato due iniziative finalizzate sia al gioco che alla didattica. Ad Acquasparta la pro loco ha ideato un interessante momento ludico legato a favole e disegni. Ogni giorno alle 17 in diretta facebook i membri dell’associazione leggono una favola ai bambini, i quali, mentre la ascoltano, la disegnano a modo loro.

Il lavoro fatto può essere poi spedito alla pro loco tramite un numero whatsApp indicato durante la lettura. “Abbiamo studiato questa iniziativa per aiutare bambini e bambine a fare qualcosa in modo costruttivo e a divertirsi con fantasia”, commenta l’assessore alla cultura Guido Morichetti che aggiunge: “L’esperienza sta trovando un grande apprezzamento anche fra i genitori e di questo Comune e pro loco sono molto soddisfatti”.

Sempre Morichetti rende noto poi che sono partite tutte le procedure per attivare in tempi rapidi l’erogazione delle risorse previste dal “bonus spesa”. Sulla pagina facebook del Comune e sul sito istituzionale ci sono tutte le info necessarie.

A Montecchio invece l’amministrazione comunale ha studiato un sistema per dare una mano concreta ai giovani studenti. A spiegarlo è il sindaco, Federico Gori. “il Comune – dice – procede alla stampa dei compiti che gli insegnanti danno loro on line. Settimanalmente – aggiunge – distribuiremo le schede a tutte le famiglie che non hanno la possibilità di stamparle in autonomia, per mettere tutti i bambini e le bambine nelle condizioni di continuare la formazione nel miglior modo possibile con la speranza che possano tornare a giocare all’aperta quanto prima”.

Sempre Gori sottolinea come tra i soggetti che più soffrono questa situazione ci siano i bambini. “Probabilmente non capiranno fino in fondo cosa sta accadendo e soprattutto perché le loro vite sono cambiate in maniera così radicale – dichiara – il nostro compito è quello di metterli il più possibile nelle condizioni di normalità e un aspetto fondamentale è quello della formazione scolastica”.

Foto: TerniLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*