Home / Archivio / “Il lento inverno”: due serate a Norcia
il lento inverno film di andrea sbarretti

“Il lento inverno”: due serate a Norcia

Il film di Andrea Sbarretti ambientato nei territori dell’ Umbria colpiti dal terremoto, sarà proiettato oggi, sabato 3 agosto alle ore 21.30 in Piazza San Benedetto a Norcia. La proiezione è organizzata dalla Proloco Norcia in collaborazione col Comune di Norcia e l’Associazione We are Valnerina.

Domenica 4 agosto, verrà replicato a Campi di Norcia. L’appuntamento è al Centro Polifunzionale della Proloco Campi alle ore 21.00, mentre alle ore 19.00 ci sarà l’incontro con il regista e parte del cast. Sarà il primo spettacolo del “Tellurico Festival” un’ iniziativa del progetto “Back to Campi” per il recupero delle zone terremotate a cui è stato devoluto l’incasso delle proiezioni del film al Politeama di Terni. “Il lento inverno” dopo essere stato proiettato una settimana a Terni, poi al Monicelli di Narni, in piazza ad Arrone e al Festival del Cinema di Benevento, arriva finalmente nei territori dove è stato girato. Entrambe le proiezioni sono gratuite.

Campi di Norcia, Castelluccio di Norcia, Norcia, Scheggino sono le locations principali nelle quali la storia prende forma. Si tratta di un film di 96 minuti che racconta le vicende di una famiglia di agricoltori. Benedetto e suo cognato Maurizio lavorano la terra, hanno una fattoria e tra le varie attività, allevano lumache. Ed è proprio la lumaca con la sua lentezza a dare il titolo al film, perchè il primo inverno da terremotati sembra non passare mai. Pierluigi, il figlio di Maurizio decide di abbandonare la valle nursina per andare a lavorare in una fabbrica di un amico di famiglia nelle Marche, mentre Benedetto si innamora di una ragazza molto più giovane di lui. La valle nursina con la sua forza centripeta è la vera protagonista della pellicola, perché sarà madre e matrigna. Matrigna per la capacità di distruggere tutto in un attimo e madre per il coraggio che infonde ai suoi abitanti.

“Il lento inverno” è una storia d’amore e speranza ambientata nella profonda provincia Umbra, dove i paesaggi bellissimi della Valnerina fanno da sfondo ad un racconto tutt’altro che triste, perchè il messaggio del film è proprio quello di superare le difficoltà con il sorriso e l’abnegazione, come insegna la regola Benedettina più volte citata nel film.

Foto: TerniLife ©

PrintFriendly and PDF