RINASCE L’UNIONE GIOVANI COMMERCIALISTI. CONVEGNO SUL RAPPORTO FISCO-CONTRIBUENTE E I REATI TRIBUTARI

Rinasce l’Unione Giovani Commercialisti ed Esperti Contabili di Terni e lo fa puntando su etica e professionalità. Per i giovani commercialisti la legalità deve nascere da un percorso culturale di crescita e condivisone, un percorso nel quale anche il commercialista riveste un ruolo importante non limitandosi alla mera applicazione di pratiche e tecniche ma scendendo nelle questioni profonde che afferiscono anche alla sfera umana. E’ con tale convinzione che la ricostituita Unione Giovani Commercialisti ha organizzato, in collaborazione con l’Ordine dei commercialisti, un convegno che si terrà oggi alle 15,00 all’auditorium Falcone-Borsellino dell’istituto Cesi-Casagrande di Terni, dove si parlerà dei reati tributari.

“Il rapporto fisco-contribuente alla luce della riforma dei reati tributari” è il titolo dell’incontro che approfondirà il rapporto tra fisco e contribuente in base a quanto introdotto con il dlgs 158/2015. Oltre alle novità in tema penale-tributario, il convegno ha l’obiettivo di sensibilizzare tutti, non solo gli addetti ai lavori, sul tema della legalità e sul ruolo del commercialista. “E’ lui che diviene fondamentale in quanto è da sempre il punto di raccordo tra contribuente e sistema fiscale”, spiegano il presidente dell’Ordine dei commercialisti di Terni Roberto Piersantini e il presidente dei Giovani commercialisti di Terni Stefano Stellati.

Il convegno, che ha il patrocinio dell’Unione nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (Ungdcec) e della Fondazione Centro Studi dell’Ungcec, vedrà gli interventi di Vincenzo Busa direttore della Direzione Affari Legali, Contenzioso e Riscossione Agenzia delle Entrate nonché presidente di Equitalia Spa, Daniele Baldassarre Giacalone, consigliere della Fondazione Centro Studi Ungdcec e del dottore commercialisti di Terni Paolo Fratini.

Ci saranno anche gli studenti in modo da offrire loro l’occasione di un’esperienza riconducibile al cosiddetto progetto di alternanza scuola-lavoro.

Foto: web ©

Print Friendly, PDF & Email