Home / Archivio / Terni: sindacati all’attacco su trasporto disabili e verde pubblico
cgil_239488

Terni: sindacati all’attacco su trasporto disabili e verde pubblico

“Quanto sta avvenendo nel Comune di Terni con il servizio dei trasporti disabili e la gestione del verde pubblico è intollerabile e desta grande preoccupazione”. Ad affermalo in una nota sono Valentina Porfidi, della Fp Cgil di Terni, e Sergio Sabatini della Fisascat Cisl, che tornano a ribadire le criticità e problematiche sollevate da tempo dai sindacati.

Per quanto riguarda il trasporto disabili, in particolare, Fp Cgil e Fisascat Cisl sottolineano che “nonostante le rassicurazioni dell’assessore sul fatto che tutto avrebbe funzionato regolarmente, purtroppo è accaduto quanto avevamo ipotizzato e denunciato più volte, con conseguenze negative sugli utenti e sulle lavoratrici e i lavoratori impiegati nell’appalto precedente, che solo in parte sono stati reimpiegati (con sostanziale taglio delle ore), mentre altri sono rimasti senza lavoro”.

“Dalle parole dell’assessore, rilasciate in questi giorni alla stampa – continuano Porfidi e Sabatini – apprendiamo di difficoltà nel reperimento dei volontari da parte di una delle associazioni accreditate. La cosa non ci stupisce: come si può pensare di organizzare un servizio così delicato, che prevede professionalità e impegno costante, con turni e orari prestabiliti, basandolo sulla buona volontà, sul senso civico e il tempo libero messo a disposizione, seppure in maniera encomiabile, della comunità?”, domandano i due sindacalisti.

“E ancora – aggiungono – come si pensa di poter fare funzionare il servizio con i pochi mezzi messi a disposizione dalle associazioni/cooperative accreditate?”.

Analogo ragionamento, secondo Fp Cgil e Fisascat Cisl vale per le attività inerenti il verde pubblico, anche queste portate avanti con il contributo di un’associazione del volontariato, che a breve si occuperà anche – sottolineano i sindacati – di rifare le strisce pedonali e i cartelli stradali, “attività delicate – osservano Porfidi e Sabatini – regolate da una normativa per le aziende molto stringente su formazione, dispositivi di protezione, attrezzature, salute e sicurezza dei lavoratori”.

Insomma, per Fp Cgil e Fisascat Cisl “non è accettabile che proprio dalle Istituzioni, che noi riconosciamo e rispettiamo, parta un segnale del genere, di forzatura di norme, procedure, regole ed elusione dei Ccnl. Come organizzazioni sindacali – concludono i due segretari – chiediamo a questa amministrazione e al Sindaco di intervenire quanto prima, per rivedere, con il contributo di tutti gli attori, modalità e procedure che consentano una migliore fruizione dei servizi”.

Foto: TerniLife ©

PrintFriendly and PDF