Home / Archivio / Terni Donne: “Più luce nelle strade e collegamenti facili con le periferie”
56947230_1237700926395137_1407256110527676416_o

Terni Donne: “Più luce nelle strade e collegamenti facili con le periferie”

Più illuminazione nelle strade e nei portoni di casa, aree verdi curate e attrezzate per le bambine e i bambini, percorsi ciclabili e pedonali sicuri, collegamenti più semplici con le periferie, eventi e azioni nei quartieri, per renderli più vivi e vivibili.

Sono alcune delle istanze che emergono dalla lettura della mappatura della città di Terni elaborata dal Laboratorio di mappatura (Lab_Map) della Casa delle donne, che ha raccolto le segnalazioni di oltre 100 donne a seguito della diffusione di un questionario volto a ricostruire la percezione “al femminile” degli spazi urbani.

La mappatura, frutto del lavoro avviato nel febbraio 2018, è stata presentata nella mattina del 13 aprile, nel corso di una giornata di studio organizzata alla Casa delle donne di Terni, dedicata alle ‘Pratiche e politiche urbane di genere: dalla partecipazione alla pianificazione urbana”, con l’intervento di Francesca Zajczyk, professoressa ordinaria di Sociologia urbana dell’Università di Milano-Bicocca.

Al centro della sua relazione l’approccio gender mainstreaming, vale a dire il processo attraverso cui sono valutate tutte le implicazioni per le donne e per gli uomini di ogni azione progettata, in tutti i campi e a tutti i livelli, compresa l’attività legislativa, politica e di programmazione. A cominciare da quella di pianificazione dello sviluppo delle nostre città. Un lavoro innovativo e originale, ribadisce la professoressa Francesca Zajczyk.

La presentazione della mappatura non è un punto d’arrivo ma un punto di partenza, per progettare una serie di azioni nei quartieri, con il coinvolgimento dell’amministazione comunale e delle associazioni già attive sul territorio, in tema di riattivazione e riqualificazione dei quartieri, mobilità sostenibile  e non solo.

Per costruire, con il concorso di tutte le forze attive di Terni, una città più bella, vivibile e partecipata,  attenta alle diversità di genere e pluralista.

Foto: TD ©

PrintFriendly and PDF