Home / Archivio / Verdecoprente, primo appuntamento al castello di Alviano con “HoMe”
verdec

Verdecoprente, primo appuntamento al castello di Alviano con “HoMe”

Si intitola “HoMe”, è un originale progetto di teatro fotografia e poesia ed è il primo appuntamento con l’edizione 2017 di Verdecoprente Re.te.

Domenica 30 aprile, alle 17 e 30, al Castello di Alviano, sala ex dopolavoro, “HoMe” si presenta come ‘restituzione’ artistica del lavoro sviluppato in residenza ad Alviano da Enea Tomei, che ne è autore e attore. Con questo progetto l’artista multidisciplinare di Roma ha incontrato la cittadina di Alviano, esplorando luoghi e animi, pensieri e visioni, indagando su ciò che per ciascuno di noi è “

HoMe, la casa. Ho me è la consapevolezza che ho del mio essere e, dunque, la capacità di abitarmi, di essere casa per la mia persona. Per i tanti me che mi abitano e che, spesso, neanche conosco”.

Il progetto di Enea Tomei, selezionato con un bando internazionale, incarna gli obiettivi principali di Verdecoprente: promuovere la ricerca e la mobilità degli artisti dello spettacolo contemporaneo e aprire allo spettatore del territorio nuove modalità di fare esperienza della creazione artistica, abitandola insieme al suo autore, con nutrimento reciproco.

Verdecoprente Re.te (residenze artistiche nel territorio), ideato e diretto da Roberto Giannini e Rossella Viti dell’associazione Ippocampo, si snoda tra le colline dell’amerino e la bassa valle del Tevere, toccando Alviano, Amelia,  Giove, Guardea, Lugnano in Teverina e Montecchio. Il progetto si realizza con la collaborazione della Regione Umbria, delle amministrazioni Comunali e della Provincia di Terni, del Cesvol della provincia di Terni e di altre comunità locali. INFO: Associazione Ippocampo 339 6675815 – http://verdecoprente.com/

Foto: Verdecoprente ©

 

PrintFriendly and PDF