big mat
buffetti
cottorella
PULIGIEN
Italia Life
tecno adsl

Nomine istituzionali dei parlamentari umbri Zaffini e Prisco. Magarini: “Posizioni strategiche”

“Le nomine degli onorevoli Emanuele Prisco (sottosegretario al ministero dell’Interno) e Franco Zaffini (presidente della commissione Sanità, affari sociali, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale) saranno particolarmente strategiche per sensibilizzare ulteriormente la formazione e l’aggiornamento dei pubblici dipendenti nei settori della sanità e la sicurezza nella nostra Regione”. Queste le parole dell’amministratore unico della Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, Marco Magarini Montenero, rivolte ai due parlamentari umbri.

“Nel congratularci per le nomine – prosegue Magarini -, formuliamo i miglioriauguri per il delicato lavoro che li attende, auspicando che nei settori di competenza di ciascuno si possa dare impulso alla necessità di trasformazione di una nuova cultura organizzativa della pubblica amministrazione. Sanità e sicurezza sono due nodi tematici – spesso problematici – decisivi, che stanno interessando i percorsiformativi e di sviluppo di competenze, grazie anche agli effetti ad ampio raggio della crisi pandemica che ha riportato al centro la convergenza digitale dei sistemi di gestione”.

“ScuolaUmbradiAmministrazionePubblica – aggiunge l’amministratore unico -, è sempre più impegnata a rispondere ai fabbisogni formativi che richiamano verso la direzione di una sanità più efficiente, più digitale e alla gestione integrata della sicurezza informatica, ancora oggi spesso derubricata dalle pubblicheamministrazioni a una questione meramente tecnico-informatica. Su questi temi abbiamo bisogno di un ulteriore cambio di passo per migliorare la “cassettadegliattrezzi” dei pubblici dipendenti e i servizi ai cittadini. Sono certo – conclude Magarini -, che l’alta professionalità e la sensibilità sempre dimostrate degli onorevoli Prisco e Zaffini, daranno seguito a una non più rinviabile centralità degli impegni cui saranno chiamati a operare”.
Foto: web©
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*