Ospedale di Terni, Lucci (Cgil) e Candelori (Uil): “Confermati i dati drammatici di arretramento. Mai così in basso”

“Per anni l‘azienda ospedaliera di Terni è stata tra i primi 10 ospedali in Italia nella classifica redatta dall’Agenzia nazionale per i Servizi Sanitari e da Newsweek, autorevole rivista generalista americana. Oggi, quella posizione è molto lontana, ma il decadimento del nosocomio cittadino, vissuto in questi ultimi anni, ha un colpevole con nome e cognome: l’assessorato alla Sanità della Regione Umbria”. Così in una nota Giorgio Lucci, segretario generale della Fp Cgil di Terni, e Mauro Candelori, segretario della Uil Fpl di Terni.
Eppure i segnali c‘erano tutti – osservano i due sindacalisti – le innumerevoli manifestazioni di protesta di Cgil, Cisl e Uil, il ricorso allo stato di agitazione davanti al prefetto di Terni, la sfiducia bipartisan al direttore generale da parte del Consiglio comunale, l’insoddisfazione delle associazioni a tutela del malato, e, non ultima, le condizioni di lavoro del personale della dirigenza e del comparto”.
È poi notizia di questi giorni, confermata oggi in un incontro dei sindacati con il dottor Casciari, nuovo direttore generale dell’azienda ospedaliera, dello sforamento dei tetti di spesa relativa al personale, che impone il blocco totale delle assunzioni, compresa la sostituzione del personale in quiescenza.
Questo comporta il mancato rinnovo dei contratti di 12 Oss – annunciano Lucci e Candelori – figura professionale spesso poco menzionata, ma la cui importanza è fondamentale per la cura del malato. Inoltre, entro l’anno, per vari motivi, l’azienda perderà circa 20 infermieri ed è poi in forse il rinnovo del personale Covid pari a circa 30 unità”.
Fp Cgil e Uil Fpl riferiscono inoltre che rimangono “in forse” i processi di stabilizzazione possibili con la legge Madia per l‘anno 2023. Così come rimangono “in sospeso” le nomine dei primari in almeno 10 strutture importanti, direttori che sono elemento essenziale per una buona organizzazione e una ripresa di attrattività dell’azienda per le regioni limitrofe.
Se ad oggi la situazione dell’ospedale è a dir poco precaria – insistono Lucci e Candelori – da qui a qualche mese potrebbe implodere, con la conseguenza di unulteriore riduzione dei servizi e chiusura di reparti. Del colloquio avuto con il direttore abbiamo apprezzato la trasparenza sui dati, che confermano purtroppo quanto da tempo andavamo dicendo: l’azienda ha una grande maggioranza di indici di performance del tutto negativi, appesantiti anche dal mancato filtro del territorio (quindi della Usl 2), che di fatto ha imposto all’azienda un carico di lavoro enorme a partire dal Pronto Soccorso”.
In conclusione, vista l’impossibilità per ora di implementare il personale, due sono i filoni di intervento che l’azienda ospedaliera intende seguire: una rivisitazione dell’organizzazione interna, che necessità di una forte e costante collaborazione della dirigenza medica, in particolare per ovviare al fenomeno dei letti nei corridoi e delle liste di attesa; e un rinnovato e fattivo rapporto con l’Usl 2, a partire da una maggiore presa in carico dei pazienti cronici a domicilio, con un utilizzo totale e diretto dell’ospedale di Narni e del centro geriatrico per i pazienti con malattie croniche, che non necessitano di una assistenza particolarmente complessa.
Come sindacato confederale – concludono Lucci e Candelori – abbiamo preso atto della volontà del dottor Casciari di lavorare per invertire questa tendenza, e non faremo mancare la nostra collaborazione al direttore, al quale abbiamo dato dato una apertura di credito in virtù delle sue esperienze pregresse in azienda. Ma già da ora diciamo che per questa complicata operazione non può mancare il sostegno anche economico della Regione, cioè del soggetto che ha una grande responsabilità su quanto accaduto in questi ultimi anni. Verificheremo quindi se quanto accaduto è solo frutto di incapacità gestionale, oppure, come spesso abbiamo detto, c’è la ferma volontà di depotenziare questa azienda per favorire una presenza delle strutture private almeno nelle discipline più remunerative. Valuteremo nelle prossime settimane quali saranno nello specifico le azioni correttive che il direttore generale vorrà attuare, deve però essere chiaro sin da subito che non accetteremo passivamente altri eventuali sacrifici a carico del personale e dei cittadini ternani”.

Foto: TerniLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*