Acquasparta, “La Festa del Rinascimento” con il trekking fotografico fino alla vetta del Monte Torre Maggiore

Prosegue ad Acquasparta (Tr) la XXIII edizione de “La Festa del Rinascimento” che animerà il capoluogo umbro fino al prossimo 26 giugno.

Dopo la giornata di ieri, lunedì 13 giugno, resa possibile anche grazie al supporto dell’azienda Sabatino Tartufi di Montecastrilli, una delle principali aziende italiane attive nella commercializzazione e nella trasformazione del tartufo; che ha visto il tartufo protagonista dell’incontro tematico pomeridiano e della Gara Gastronomica tra le tre contrade cittadine, che si sono sfidate nella preparazione della ricetta del “Pasticcio di Vitella” così come riportata nell’opera “L’Epulario” di Giovanni del Turco; vari sono gli appuntamenti in programma nei prossimi giorni.

Da segnalare in particolare per giovedì 16 giugno alle ore 18.00 presso Palazzo Cesi, l’incontro dal titolo “L’arte che descrive: dalle Tabulae Phytosophicae alla fotografia naturalistica”, che partendo dall’opera ideata da Federico Cesi, intitolata Theatrum Totius Naturae”, di cui le “Tabulae Phytosophicae”, rappresentazioni di soggetti botanici considerate il primo trattato di botanica generale che si sia scritto, costituivano un’importante parte; porterà alla scoperta delle caratteristiche della fotografia naturalistica, mettendone in evidenza le finalità e compiendo così un ideale salto di quattro secoli dalle rappresentazioni lincee.
Da non perdere, l’attesa Giostra dei Tamburi Sonanti, in programma per venerdì 17 giugno alle ore 22.00. Una sfida tra i tamburini delle contrade del borgo – San CristoforoPorta Vecchia e Il Ghetto  arricchita dallo spettacolo degli sbandieratori di Sangemini.

In programma poi per sabato 18 giugno alle ore 18, una conferenza dal titolo “Il Natural desiderio di sapere e lo spazio di libertà: Giordano Bruno, Tommaso Campanella e i Lincei” con Marco Moschini, docente di Storia della Filosofia Teoretica presso l’Università degli Studi di Perugia, che guiderà i presenti in un breve viaggio tra filosofi e studiosi, tra loro contemporanei, accomunati dallo slancio conoscitivo, espressione di libertà, e dal limite imposto dal contesto storico politico dell’epoca.
Seguirà alle ore 22.00 lo spettacolo “Shine” della Compagnia Piccolo Nuovo Teatro di Assisi un suggestivo spettacolo di teatro acrobatico, ispirato alla luce e ai quattro elementi naturali, in cui le esibizioni aeree saranno arricchite da effetti di luce, dove giochi di fuoco vivo ed effetti pirotecnici stupiranno il pubblico.

Novità della XXIII edizione de “La Festa del Rinascimento”, sarà il Trekking Fotografico, in programma per domenica 19 giugno alle ore 9.00. Un’escursione fotografica-naturalistica, accompagnata dallo zoologo e guida ambientale escursionistica Riccardo Mattea, che porterà sulla vetta dei Monti Martani, alla ricerca delle specie di fauna e flora più rappresentative dell’Appenino centrale. Durante l’uscita, si percorreranno sentieri incontaminati, partendo dall’antica chiesa di Sant’Erasmo ed attraversando foreste di faggio e leccio, fino a raggiungere la vetta più alta della montagna di Cesi, il Monte Torre Maggiore.

Protagonista del pomeriggio di domenica 19 giugno, alle ore 17.30, sarà invece Galileo Galilei, matematico, fisico e astronomo, che entrò a far parte dell’Accademia dei Lincei e che fu ospite di Federico Cesi ad Acquasparta. Silvia Bevilacqua e Nicol Martini daranno vita ad una lettura teatrale di “Vita di Galileo” di Bertolt Brecht, opera del novecento che presenta magistralmente la grande figura dello scienziato Galilei Galileo. Il testo, scritto in un lungo arco di tempo durante il quale il mondo conoscerà anche l’orrore dell’atomica, ci interroga sul ruolo della scienza, sulla libertà di ricerca, sul suo legame con la verità, la società ed il progresso.
A chiudere il secondo fine settimana de “La Festa del Rinascimento”, alle ore 22.00, lo spettacolo “Per Grazia Ricevuta/Chiaroscuro” della Compagnia Teatri 35. La performance, sui Tableaux Vivants dall’opera di Michelangelo Merisi da Caravaggio, nasce come esperienza laboratoriale di alcuni anni che pone al centro il corpo dell’attore. Il corpo, colto nella sua intrinseca condizione di imperfezione, si mostra attraverso il pudico gioco tra luce e ombra svelandosi senza mostrare e rimandando senza ostentare. Un taglio di luce, come nei quadri di Caravaggio, arriva al pubblico “Per Grazia Ricevuta”.
La XXIII edizione de “La Festa del Rinascimento”, organizzata dall’Ente Il Rinascimento ad Acquasparta, con il patrocinio del Comune di Acquasparta e della Camera di Commercio dell’Umbria, il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, della Regione Umbria e del Ministero della Cultura, è realizzata anche grazie al contributo di Befood Srl, Cosp Tecno Service Soc. Cooperativa, LENERGIA S.p.A., Sabatino Tartufi, Seci srl e delle numerose attività commerciali, strutture ricettive e ristorative della città di Acquasparta.

Foto: TerniLife ©
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*