Home / Archivio / Parrano, varato il parco progetti da oltre 777mila euro: deciso rilancio società Patto 2000

Parrano, varato il parco progetti da oltre 777mila euro: deciso rilancio società Patto 2000

Ammonta ad oltre 777mila euro il fondo previsto dal Comune di Parrano per i principali interventi pubblici sul territorio. Le risorse sono contenute nel bilancio di previsione approvato dal Consiglio comunale che ha anche votato a favore dell’atto che dà mandato al sindaco ad intervenire all’assemblea della società Patto 2000 per ritirare la procedura di liquidazione e rilanciarla. Sono in tutto otto i progetti principali finanziati con i fondi di bilancio e contributi e riguardano decoro urbano e giochi per bambini (32mila e 600 euro), sistemi di regimazione acque piovane (circa 4.380 euro), progetto Auri per il riciclo delle acque (4.780 euro), recupero del vecchio forno di comunità (98mila euro), messa in sicurezza accessi pedonali alle Tane del Diavolo (50mila euro), miglioramento e messa in sicurezza della Strada del Piano (500mila euro), costruzione nuovi loculi (oltre 63mila euro), il progetto “Un borgo del terzo millennio” (24mila euro).

Il Consiglio ha anche votato all’unanimità la mozione Stop Global Warming” per combattere i cambiamenti climatici impegnando sindaco e giunta: a Informare i cittadini di tale iniziativa. A consentire ai cittadini di poter firmare l’iniziativa StopGlobalWarming.eu presso gli uffici competenti, così come avviene oggi per le altre forme di iniziativa popolare: Referendum, Proposte di Legge di iniziativa popolare e delibere di iniziativa popolare. A pubblicare sul sito del Comune il link a www.StopglobalWarming.eu, per analogia con quanto i Comuni già fanno offline relativamente alla possibilità di sottoscrivere leggi di iniziativa popolare e referendum presso l’ufficio anagrafe. Ad attivarsi a sostegno degli obiettivi dell’iniziativa dei cittadini europei, sia presso l’Amministrazione Comunale, le autorità regionali e nazionali, sia nell’ambito dei rapporti diretti con altri Municipi e Comuni italiani ed europei. A relazionare entro un mese prima del termine ultimo per la raccolta delle firme al Consiglio comunale sulle attività svolte.

Foto: TerniLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*