CHEF EXPRESS FABRO, PRESIDIO DEI LAVORATORI

Giornata di protesta per gli operatori del turismo di Umbria e Lazio, settore che rischia il collasso. In occasione di questo sciopero indetto da Filcams Cgil, Uil Tucs e Fisascat Cisl alla sede di Confindustria a Roma, i dipendenti dello Chef Express di Fabro Est, hanno organizzato un presidio sul posto di lavoro che ha visto la partecipazione attiva di tutti i lavoratori.  Uno sciopero che ha portato a dei risultati: la Fipe – Federazione italiana dei pubblici  esercizi – ha infatti annunciato la riapertura ufficiale delle trattative.

Soddisfazione da parte della Filcams Cgil di Terni con le delegate Cinzia Muzi e Silvia Castorri (Chef Express) e Claudio Aureli della segreteria locale. «Si riaprono le trattative – spiega Aureli – e dopo due anni ci siederemo di nuovo intorno ad un tavolo. Finalmente c’è la possibilità di restituire dignità al nostro settore». Foto: web ©

Print Friendly, PDF & Email