Inquinamento, De Luca (M5S) all’assessore Salvati: “La questione ambientale non si risolve con boria e arroganza”

“Ci dispiace che la vicesindaca Salvati quando si parla di ambiente e salute la prenda sul personale. E risponda in modo piccato a una forza politica come il MoVimento 5 Stelle che a livello locale è stata l’unica ad avere il coraggio di squarciare il muro di silenzio che per anni c’è stato sulla questione ambientale della conca ternana”.

Queste le parole del consigliere regionale pentastellato Thomas De Luca sulla questione ambientale.

“Silenzio non solo da parte della politica ma anche di tanti pezzi della società civile, inclusi tecnici competenti come lei. Non rispondendo alle critiche non fa che confermare le nostre preoccupazioni e ribadisce di fatto che la colpa è dei caminetti. Secondo lei sono quelli che vanno chiusi, non certo gli inceneritori. Tra l’altro vogliamo ricordarle che l’inceneritore fu autorizzato proprio dal suo centrodestra. Tornando al tema, invitiamo la vicesindaca a rispondere chiaramente e nel merito ai contenuti emersi durante la nostra conferenza stampa che tanto l’ha colpita. Ci dica l’assessora Salvati se ci sono i soldi nel Piano per la qualità dell’aria destinati a quelle sorgenti inquinanti che proprio Arpa individua. Non è certo con boria e arroganza che si risolvono certe questioni, soprattutto quando a bocciare il proprio operato non sono le forze di opposizione o le associazioni e i comitati, ma sono i dati ed i record di sforamenti. Probabilmente lei stessa è la prima a non essere convinta del suo vademecum, tanto è vero che più volte durante l’ultimo rimpasto è emerso che si sarebbe disfatta volentieri della scomoda delega all’ambiente. Ciò nonostante siamo d’accordo con lei sulla necessità di confrontarsi sui temi e sulle soluzioni. Per questo siamo pronti a un dibattito pubblico sull’argomento come e quando vuole”.

Foto: TerniLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*