Home / Archivio / Balck Sheeps, presentato il primo album
IMG-20191002-WA0117

Balck Sheeps, presentato il primo album

Il 2 Ottobre 2019 alle ore 11.30 presso la Sala Gisa Giani, Palazzo Mazzancolli (Archivio di Stato), a Terni, le BLACK SHEEPS hanno presentato il loro primo album “Non aspettarmi sveglio“. Le Black Sheeps saranno disponibili per eventuali brevi interviste dalle ore 11. Alla fine della conferenza stampa verrà proiettato il video lancio del disco.

“Non aspettarmi sveglio” è un concentrato di vita, con temi forti come la violenza sulle donne trattata in FENICE, e l’inadeguatezza sociale di MARTA, fino alla voglia di vivere e cantare a squarciagola di THELMA & LOUISE e NE PARLIAMO LUNEDI.

Un album da ascoltare sicuramente dove troviamo dieci canzoni originali, sia il  testo e sia la  musica sono state realizzate da Claudia e Ilaria. Gli arrangiamenti strumentali dell’album sono stati effettuati da Elvys Damiano e da Riccardo Ciaramellari; invece per quanto riguarda gli arrangiamenti vocali sono stati realizzati da Fabrizia Luchetti.

La copertina del cd  non sarà in plastica ma in cartone, in quanto le BLACK SHEEPS hanno deciso di aderire alle varie campagne di  Plastic Free proprio per ridurre l’uso degli imballaggi e della plastica. Ogni anno almeno 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani, con gravi conseguenze sulla vita marina e terrestre.

Il nuovo album  in pre acquisto dal 25 Settembre sul sito delle BLACK SHEEPS e disponibile dal 2 Ottobre nel sito  e nei migliori store online e su terni presso New Sinfony  – Galleria Del Corso, 12. L’album inizia con Contromano nel cielo è il loro primo pezzo, vincitore di San Remo doc nel 2018. E’ un vero inno universale al non arrendersi, a combattere contro ogni ostacolo che la vita ci pone, anche quando sembra tutto perduto, ad avere la forza ed il coraggio di dare una svolta alla propria vita rischiando il certo per l’incerto.

La prima canzone scritta interamente da Claudia e Ilaria è  Ne Parliamo Lunedì. Un vero e proprio tormentone estivo. Una canzone  spensierata che parla degli amori estivi perché l’estate, in fine dei conti, è quel momento dell’anno in cui si è più predisposti a lasciarsi andare e a mettere in discussione le proprie certezze per un brivido in più.

Fenice, parla di tutte quelle donne che subiscono giornalmente violenze, fisiche o psicologiche. E’ una canzone di speranza, perché in ognuna di noi c’è la forza necessaria per poter rinascere e riprendere in mano la propria vita. Il video è uno spot, realizzato in occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, e donato al centro antiviolenza Liberamente donna.

Un pezzo dove si sente solo la chitarra e la voce di Claudia e Ilaria è sicuramente Cassetti. E’ una canzone d’amore nel senso stretto del temine, un amore puro, verso un’altra persona, disinteressato, che chiede amore pur ammettendo i propri limiti e difetti.

 Non può mancare un pezzo al pianoforte dove si sente tutta la voce delle Black Sheeps che cantano  l’amore: Un’ora sulla pelle. Parlano di un’amore che decide di viversi un’ultima volta anche nel momento che sa di essere già finito. Una canzone da cantare a squarciagola su una decappottabile piena di strumenti musicali con il vento nei capelli e il sole in faccia è Thelma & Louise.

Verso Est invece è una carrellata di diapositive, fotografie di vita , di sensazioni e emozioni, avanti e indietro nella memoria, con un pò di malinconia. Il ritornello è come un sospiro di sollievo, quasi un modo per ritornare in sè, la presa di coscienza che quei ricordi rimarranno indelebilmente parte delle donne che siamo oggi.

Ne santi ne Eroi c’è Luca. Luca che vuole rappresentare tutte le persone che hanno difficoltà nel trovare la propria strada. E poi abbiamo Marta.

Marta È una donna tormentata che, per paura di non essere accetta, si nasconde dietro comportamenti stereotipati, e poi finisce di non riconoscersi più. E’ una donna che cerca negli altri le risposte e le certezze che può trovare solo in se stessa. Siamo tutte un pò Marta in fin dei conti.

L’ultimo pezzo intitolato “L’ultimo giro” è un pezzo ispirato dal film “Dal Tramonto all’alba”, di Tarantino. La storia di due donne, molto forti, che in una nottata si giocano il tutto per tutto e vincono. E’ il pezzo più rock del disco e ricorda le atmosfere della route 66, il deserto, il sole a picco e tira fuori tutta la sensualità delle Black Sheeps.

Le BLACK SHEEPS nascono nel 2009 dall’incontro tra Claudia Carletti e Ilaria Pileri. Nel Settembre 2017, dopo anni di cover sentono la necessità, di darsi una nuova veste, sia nell’immagine che nella musica. Così scrivono il loro primo primo inedito: “Contromano nel Cielo”, vincitore del contest  “Sanremo doc 2018″.

Foto: BS ©

PrintFriendly and PDF

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>