Home / Archivio / Gruppi estivi in oltre 20 parrocchie della diocesi, il 3 luglio la giornata diocesana dei Grest all’Anfiteatro Fausto
28334272037_b2ec113ab7_k

Gruppi estivi in oltre 20 parrocchie della diocesi, il 3 luglio la giornata diocesana dei Grest all’Anfiteatro Fausto

Un’estate intensa di attività per le parrocchie e gli oratori che ospitano i Gr.est. per i ragazzi dai 6 ai 14 anni animati dai giovani del Servizio di pastorale giovanile e animatori parrocchiali.

I Gruppi Estivi della diocesi coinvolgono centinaia di bambini grazie al prezioso servizio dei tantissimi animatori, che ravvivano con i giochi, canti e preghiera i quotidiani incontri dei bambini e ragazzi, e quello delle parrocchie che hanno messo a disposizione strutture, organizzato l’accoglienza offendo in molti casi anche i pasti ai partecipanti, con gioia e disponibilità per dare l’opportunità ai ragazzi di vivere un’esperienza di amicizia e comunione.

I Gr.est. si tengono, tra le tante nelle parrocchie e negli oratori della Cattedrale di Terni, di Rocca S. Zenone, S. Maria della Misericordia, S. Giuseppe Lavoratore, S. Antonio in Terni, S. Maria del Rivo, Nostra Signora di Fatima, San Giovanni Bosco a Campomaggiore, San Francesco Terni, Sacro Cuore eucaristico Terni, Santa Maria della Pace a Valenza, Immacolata Concezione alla Polymer, S. Antonio in Narni Scalo, Ponte S. Lorenzo di Narni, Cattedrale di Narni, oratorio S.Maria Ausiliatrice di Amelia, Sangemini, Fornole e a Guardea, parrocchie di Sambucetole Collicello e Frattuccia, Aguzzo Finocchieto e Vasciano.

I GrEst della diocesi hanno adottato per quest’estate, dal 10 giugno al 26 luglio il progetto educativo “Mettiti in gioco”, l’impegno come risposta allo spirito di santità, proposto dalla cooperativa Animagiovane di Torino. Il gioco è un linguaggio che insegna la convivenza, che dà degli obiettivi, che non distrugge mai gli avversari, che insegna le regole, che aiuta ad accettare la sconfitta, a lavorare in squadra, a spendersi, a saper perdere. L’intera trama tematica parte dall’esortazione apostolica di Papa Francesco “Guadete et exultate”. Nonostante ci siano alcuni santi ad indicare una via, non bisogna pensare ai santi come coloro che sono stati beatificati o canonizzati ma anche l’esempio di santità di chi si è saputo impegnare. Agli animatori il compito di trasmettere questi temi attraverso il gioco, l’attività, i laboratori creativi, la musica, il canto e tanto altro che renderà unica l’estate dei bambini.

La storia “Mettiti in gioco”  è ambientata nel “villaggio dove nascono tutti i giochi”. Ogni giorno la storia porterà a riscoprire un gioco classico. Insomma quest’anno i bambini, andando in parrocchia, troveranno un GrEst più divertente che mai.

Il Gruppo estivo propone una crescita umana e spirituale del bambino sfruttando il grande valore educativo del gioco. In questi particolari centri estivi, ogni attività si inserisce nel chiaro progetto educativo. Tutto ciò viene anche incontro alle tante famiglie che hanno la necessità di gestire il periodo estivo dei figli dopo la chiusura delle scuole. Quest’attività rappresenta però un’esperienza particolarmente educativa. Si propone, infatti, una crescita umana e cristiana, un utilizzo positivo del tempo libero, la possibilità di coltivare amicizie nel quadro della maturazione personale. Tutto questo viene svolto ovviamente secondo la tradizione oratoriale: giochi, laboratori, musica e molto altro sono le attività che riempiono le giornate al GrEst.

In programma anche la giornata diocesana mercoledì 3 luglio quando circa quattrocento ragazzi e i loro animatori si ritroveranno, dalle 10 alle 17 all’Anfiteatro Fausto di Terni e ai giardini della Passeggiata. Una giornata per favorire l’incontro e la socializzazione tra bambini di diverse parrocchie. Ogni equipe formativa dei giovani del servizio di Pastorale giovanile guiderà e animerà la grande festa con giochi, con i laboratori e prove. A conclusione della giornata la preghiera con il vescovo Giuseppe Piemontese e la consegna ad un rappresentante di ogni oratorio dei diplomi che attestano il compimento del percorso formativo.

Foto: DIOCESI ©

PrintFriendly and PDF