Home / Archivio / Patron Bandecchi: “Tra due battaglie: serie B a 22 squadre e ripescaggio”
bandecchiPRS_5832

Patron Bandecchi: “Tra due battaglie: serie B a 22 squadre e ripescaggio”

La C partirà il 16 settembre e c’è grande attesa per la sentenza del 7 settembre del Collegio di garanzia dello sport del Coni, che aiuterà a dipanare l’intricata matassa nata dal caos sui ripescaggi. Il patron della Ternana, Stefano Bandecchi, è intervenuto a Radio Cusano Campus per fare il punto della situazione e ribadire il proprio impegno su due fronti. Le ha chiamate «due battaglie»: una per la serie B a 22 squadre e una per far sì che sia la Ternana una delle tre squadre ripescate.

 

«Penso che siamo in un momento in cui abbiamo la regolarità contro l’irregolarità. Secondo me si stanno verificando delle situazioni estremamente anomale e pericolose – ha detto Bandecchi – La serie C, tanto per cominciare, a mio avviso ha deciso in coscienza nella maniera giusta di partire dopo che si esprimeranno i giudici, perché in questo momento ci sono delle controversie di fondo molto importanti. Non ha senso una serie B a 19 squadre, che cambia le proprie regole all’improvviso.

La Figc ha stabilito in 20 minuti che tutte le leggi in vigore fino a quel momento sarebbero cambiate. È un’ipotesi peregrina quella del campionato a 19 squadre. Ho letto che questa nuova legge, firmata esclusivamente da un soggetto, è un fatto che capita per la prima volta dal 1930. Quindi si cambia tutto e si ribalta completamente la situazione della serie B, che non è più a 22 ma a 19 squadre. Ma per quale motivo?

Questo sta creando danni a tutti: all’Aic, perché comunque ci sono 75-80 giocatori in meno che non giocheranno in B; ad alcune città che non potranno partecipare alla B e quindi avranno un danno di immagine. Tutto questo per un’assurdità colossale: cioè che saranno meno club a dividersi quattro spicci e così le società falliranno con meno facilità. Senza ricordarsi, però, che le società che sono fallite hanno accumulato debiti per almeno 8 milioni di euro all’anno e che la nuova divisione, che arriverà eliminando tre squadre, prevedrebbe circa 500-600mila euro in più per ogni squadra». Un punto, questo, sul quale insiste Balata.

«Se non sbaglio, Balata è un avvocato. Con tutto il rispetto, farebbe meglio a fare l’avvocato che a occuparsi di economia, dove, invece, devo dire che è un po’ indietro. Credo che in questo momento ci siano un gruppo degli imprenditori che fanno gli imprenditori per caso – incalza il patron rossoverde – O comunque non so se fanno gli imprenditori perché lo stato italiano gli dà dei soldi; o non so comunque il modo in cui riescono a fare soldi. Dico con estrema certezza che questo calcolo imprenditoriale è buffo, sbagliato, strano e totalmente ridicolo. Ed è inutile che Balata o altri continuino a parlarne.

Non voglio farlo, ma potrei scommettere che alcune squadre che giocheranno il prossimo campionato di serie B l’anno prossimo falliranno. E se non sarà quest’anno, sarà il successivo. Perché il meccanismo è sbagliato, è totalmente errato. E finché tutti i campionati professionistici avranno gli impegni obbligatori che hanno e distribuiranno denaro in questo modo, questo circolo guadagnerà non a sufficienza per far girare bene le squadre. Gli imprenditori devono mettere soldi di tasca propria nei propri club, quindi stiamo rubando soldi agli operai per far viaggiare il mondo del calcio. Finché funzionerà così, funzionerà male».

«Per fare un campionato di serie C decente – spiega Bandecchi – ci vogliono almeno 7-8 milioni di euro. La serie C riesce a distribuire 7-800 mila euro. Quindi, se non metti 6-7 milioni tuoi, la tua squadra fallirà. In serie B, quando almeno 4-5 milioni ti arrivano dalla Federazione, se ne hai messi altri 4-5 hai fatto un ottimo campionato. Quindi c’è un’ipocrisia di fondo, perché falliranno molte più squadre di C se la serie B si riduce a 19. È tutto un sistema errato. Non voglio fare scuola di economia ma tutte le persone che stanno nel mondo del calcio sanno che questa è una puttanata colossale».

Il proprietario del club spiega poi i due fronti su cui è impegnato dal punto di vista legale:
«In maniera molto chiara vorrei dire che la Ternana ha due battaglie in corso. Perché ha subito due torti. Il primo torto è quando alcuni giudici hanno cambiato le regole. Perché questo è l’anno delle regole cambiate, è l’anno delle regole che non ci sono più, è l’anno della grande incertezza. Oggi ho letto sul Messaggero che le squadre che saranno ripescate sono Catania, Novara e Siena, e che la Ternana e la Pro Vercelli si sono innervosite, hanno fatto causa e creato questo casino. Invece è tutto il contrario: il casino l’hanno creato Novara e Catania, che sono arrivate in seconda battuta chiedendo a un giudice di cambiare regole che esistevano, le regole per il ripescaggio.

Ricordo che sarebbero dovute essere ripescate le società virtuose, cioè che non avevano né illeciti amministrativi né sportivi. Sta di fatto che questa legge è stata cambiata e all’improvviso due squadre che non potevano essere ripescate in B hanno iniziato a creare casino, cioè Catania e Novara. Oggi è vero che portano avanti con noi la battaglia della serie B a 22 squadre, ma io non scordo che, finita la prima battaglia, inizia la seconda. Io voglio far ripescare la Ternana, perché le leggi di quest’anno, quelle che erano in vigore, dicevano che le squadre che dovevano essere ripescate dovevano essere quelle virtuose.

Quindi, in ordine, Siena, Ternana e Pro Vercelli. Ed è inutile continuare a far chiacchiere. Le battaglie da vincere sono due. La prima perché il campionato di B torni a 22 squadre, perché le puttanate che ho sentito sono infinite, perché evidentemente parlo con dei dilettanti in economia. La seconda, che chiamo “battaglia di giustizia” e sulle regole che dicevano che alcune squadre non potevano essere ripescate, e così dovranno restare le regole. E siccome confido nella giustizia e nel fatto che il Coni sia sulla strada giusta, alla fine io mi aspetto che la Ternana vinca queste due battaglie. Spero di essere stato molto chiaro: campionato di B a 22 squadre e campionato con il ripescaggio della Ternana. E Balata può stare sicuro che non fallirà la Ternana quest’anno. Finché sarà mia non fallirà.

A proposito di vittorie, ci sono quelle in tribunale e quelle sul campo. E la Ternana sta proseguendo la costruzione della rosa per la prossima stagione, seppure con l’incertezza della categoria e tutte le conseguenze e difficoltà che ne scaturiscono.
«Sull’aspetto agonistico voglio fare una valutazione facendo una rassegna stampa- prosegue Bandecchi – Ho letto su alcune testate nazionali che si parla della Ternana come di una squadra molto forte nel caso in cui dovesse disputare il campionato di serie C. Perché è una squadra ben concepita. So che l’allenatore ha fatto molte richieste e noi abbiamo tentato di accontentarlo nel modo migliore. So che è abbastanza contento della squadra che si trova a gestire oggi. Sono convinto che se affronteremo il campionato di C tenteremo di salvarci; se invece andremo in B, mi hanno detto che abbiamo una squadra che potrebbe arrivare al 21esimo posto (ride, ndr). A parte gli scherzi, non so cosa faremo ma la mia idea è sempre la stessa e io sono sempre chiaro: anche in serie B potremmo giocare bene le nostre carte».

«Noi stiamo combattendo una battaglia “legale”, e secondo me di giustizia, con grinta, con determinazione e lottando con le unghie e con i denti contro i poteri forti di questa nazione, battaglia che mi aspetto di vincere, mi aspetto che in campo i nostri giocatori facciano la stessa identica cosa- aggiunge il patron della Ternana – Perché l’importante nel calcio, come nella vita, è vincere. Quindi io voglio vincere questa battaglia, o almeno fare di tutto per farlo, e spero che i calciatori facciano la stessa cosa in campo. E se alla fine perderemo, spero che perderemo con onore».

Già nella seconda parte della seconda stagione, Bandecchi aveva frequentato con assiduità durante le gare di campionato, sedendosi in panchina. Un’abitudine che proseguirà anche quest’anno:

«Il calcio non mi appassionava e non mi prendeva – ammette Bandecchi – Poi ho commesso degli errori che sono sotto gli occhi di tutti: purtroppo ho portato questa squadra a retrocedere. Ho ammesso i miei errori e me ne sono fatto carico. E ho detto a me stesso: devo dimostrare di non essere l’uomo che è apparso in questo campionato, un uomo che retrocede, che perde, che sa portare avanti solo la sconfitta e le chiacchiere. Quindi ho iniziato a seguire il calcio più da vicino, e per me voleva dire stare in panchina, respirare l’aria del campo. Volevo vedere in faccia l’allenatore e i calciatori, e soffrire insieme a loro. Così ho iniziato ad apprezzare questo gioco, a capire che si può fare qualcosa, e a lottare.

E ora voglio vincere, non c’è più da chiacchierare. Vado in panchina perché in panchina ho perso, mi sono preso le giuste critiche dei tifosi quando la squadra è andata male. In quel momento ho iniziato a desiderare di dimostrare che anche nel mondo del calcio avrei potuto fare qualcosa di buono. Apprezzo molto l’allenatore De Canio, perché è un uomo importante per il mondo del calcio. Secondo me ha un grandissimo carattere, e da lui sto apprendendo molto. Quest’anno vogliamo fare un buon campionato e io starò spesso in panchina perché spero di poter dare il mio contributo direttamente. E capire da lì, da vicino, quali sono le cose da fare. Voglio dimostrare di essere bravo anche nel mondo del calcio. Voglio essere sfacciato, lo voglio dire all’inizio. All’inizio abbiamo fatto dei risultati poco giusti, ma io non ho partecipato direttamente. Questa volta, invece, voglio partecipare direttamente, voglio vincere o perdere direttamente. L’ultima volta mi sono preso degli insulti e questa volta vorrei prendermi degli applausi, se capiterà».

Bandecchi conclude il suo intervento radiofonico ribadendo le «due battaglie» che lo vedono oggi in prima linea:
«Io confido veramente nell’ultimo grado della giustizia sportiva, perché mi sembra che si sia presa la strada giusta. La Ternana ha due battaglie. La prima portare il campionato di B a 22 squadre, come è giusto che sia e come doveva essere. La seconda è ripristinare la legalità anche per quanto riguarda i ripescaggi; quindi per quanto mi riguarda le squadre che devono essere ripescate devono essere quelle che non hanno commesso illeciti sportivi e amministrativi, come dicevano dalle regole iniziali. Io spero che questo avverrà e sarà così sancito dall’ultimo grado di giustizia. Il 7 sera sapremo se la Ternana sarà in B o in C. Comunque vada, faremo il massimo per fare un buon campionato, e almeno di arrivare penultimi».

Foto: (archivio) TerniLife ©

PrintFriendly and PDF

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>