Home / Archivio / Elezioni amministrative a Terni, Marini: “Grazie all’onesta disponibilità di Paolo Angeletti”
marini_presidente_regione4

Elezioni amministrative a Terni, Marini: “Grazie all’onesta disponibilità di Paolo Angeletti”

La presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, nel rivolgere le sue congratulazioni ai neosindaci umbri di Cannara, Fabrizio Gareggia e di Passignano sul Trasimeno, Sandro Pasquali, fa una riflessione sulle elezioni amministrative di Terni.

“La vicenda di Terni, città capoluogo di provincia, – scrive in una nota Marini – rappresenta per il PD non solo la sconfitta di una competizione elettorale, ma il segno evidente di una lunga difficoltà a garantire una maggioranza stabile all’interno dell’amministrazione comunale ed una incapacità della classe dirigente a fare uno scatto in avanti e trovare i punti di incontro e solidarietà per costruire un nuovo progetto di governo della città. Un progetto ed una idea di Terni quale città innovativa e sostenibile che pure ha visto il leale e forte impegno dei Governi nazionale e regionale che con strumenti quali l’accordo di programma per l’area di crisi industriale complessa, agenda urbana, il contratto per la riqualificazione delle periferie, i piani idrici – solo per citarne alcuni – garantirà, come mai avvenuto in passato, una programmazione di risorse finanziare significative a disposizione della città”.

“Voglio dunque ringraziare – continua la presidente – la generosità e la onesta disponibilità di una persona perbene e professionalmente qualificata come Paolo Angeletti che si è messo a disposizione come candidato sindaco, pur nella consapevolezza della difficoltà e straordinarietà dell’attuale fase politica attraversata dal PD nella città di Terni.

Voglio altresì esprimere alcune considerazioni su questo turno amministrativo nel quale le alternative al PD, al centro sinistra e al civismo riformista e progressista, non vedono affermarsi, in nessun comune, il radicamento espresso nelle recenti elezioni politiche dal M5S e vedono invece definirsi un campo della destra ad esclusiva trazione leghista, come in particolare avvenuto nella città di Terni, modificando anche il campo di un centro destra moderato e liberale che si era strutturato negli anni passati.

Nelle due città di Umbertide e Spoleto che andranno al ballottaggio sono certa che le candidate sindaco Avorio e Laureti dialogheranno con le forze civiche che hanno avuto una chiara e netta affermazione di consenso, per assicurare amministrazioni orientate all’innovazione, al cambiamento riformista e adeguate ad interpretare le aspettative della maggioranza dei cittadini di quelle comunità”.

“A Terni – conclude – la responsabilità istituzionale e democratica mobiliterà anche gli elettori del centro sinistra e del PD verso quelle figure che si caratterizzeranno, nel turno di ballottaggio, per una assonanza della nostra idea di futuro della città, basata sul lavoro e sull’impresa e che ha trovato la sua sintesi più innovativa nei documenti relativi al riconoscimento dell’area industriale di crisi complessa di Terni e Narni, e per una vicinanza agli elementi valoriali e solidaristici più coerenti con i principi della carta costituzionale e con la tradizione democratica del lavoro e della solidarietà della città di Terni e dell’Umbria”.

Foto: (archivio) TerniLife ©

 

 

 

PrintFriendly and PDF