Edilizia, da gennaio i controlli del nucleo di vigilanza

La direzione Pianificazione Territoriale – Edilizia Privata rende noto che dal 1° gennaio 2022 si attiverà il Nucleo di Controllo del Territorio, organismo con funzioni di vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia, la cui struttura, funzioni e modalità operative sono state ridefinite da un provvedimento del dirigente.
Si tratta di una attivazione prevista per legge, ma con una impostazione dei controlli più strutturata e dinamica, ovvero non più prevalentemente legata a segnalazioni dei privati. Lo svolgimento dei controlli avverrà in maniera regolare e continuativa, anche attraverso una presenza nei cantieri, garantirà un’attenzione particolare ai temi della sicurezza, a quelli ambientali, rafforzando la collaborazione con le altre direzioni e gli altri enti.
Il Nucleo, che provvede al controllo del territorio e redige gli atti di accertamento degli abusi predisponendo un rapporto mensile sull’attività svolta, sarà composto da personale della direzione Pianificazione Territoriale – Edilizia Privata coadiuvato dalla direzione Polizia Locale e potrà essere integrato da tecnici specialistici interni o esterni all’ente.
Al Nucleo compete ogni tipo di controllo sull’attività edilizia-urbanistica senza limiti di oggetto e di tempo, includendo anche i controlli sui titoli e sulle opere edilizie eseguite, con particolare riferimento alla verifica delle dichiarazioni e certificazioni dei progetti sulla corrispondenza delle opere in corso di realizzazione mediante permesso di costruire, segnalazione certificata di inizio attività, comunicazione di inizio lavori asseverata e segnalazione certificata di agibilità. Inoltre, al Nucleo spetta il controllo di merito dei contenuti delle asseverazioni allegate alla comunicazione di inizio lavori, alle istanze di titolo abilitativo, nonché alle dichiarazioni per agibilità e dichiarazione che tiene luogo dell’agibilità. Infine, il Nucleo ha competenza in merito ai criteri per la formazione del campione da sottoporre ad estrazione e le procedure del sorteggio.
Le verifiche potranno essere effettuate a campione con estrazione semestrale, o con ispezioni casuali nel territorio. I controlli possono essere richiesti anche da privati cittadini identificati, enti pubblici o gestori di servizi pubblici, portatori di interessi diffusi costituiti in associazioni o comitati e da chiunque agisca per la tutela di interessi qualificati connessi all’oggetto della verifica urbanistica-edilizia.
La prima fase sarà sperimentale, è prevista la possibilità di rimodulare la disciplina qualora necessario.

Le informazioni di dettaglio sulla tipologia di pratiche soggette a controllo, sulla determinazione del campione, sulle sanzioni sono disponibili alla pagina https://www.comune.terni.it/vigilanza-edilizia

Foto: TerniLife ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*