Home / Archivio / La vignetta di LanciaComics: “Valanga di Rigopiano 18 gennaio 2017″

La vignetta di LanciaComics: “Valanga di Rigopiano 18 gennaio 2017″

Le parole e i pensieri, molto spesso, arrivano prima al cuore attraverso un’immagine, un’illustrazione, una fotografia o una vignetta.

E’ per questo che TerniLife, che crede nel futuro e nelle sfide, accoglie la creatività di Roberto Lancia e le sue  vignette LanciaComics.

Questa di oggi è “Valanga di Rigopiano 18 gennaio 2017″. “Con questa illustrazione ho voluto ricordare le vittime della valanga di Rigopiano – spiega l’autore Roberto Lancia – avvenuta il 18 gennaio 2017nel Comune di Farindola in Abruzzo. Uno smottamento nevoso (causato sembrerebbe da una serie di forti scosse telluriche avvenute nelle ore precedenti) ha determinato la morte di 29 persone in un luogo di vacanza (il resort Rigopiano è stato letteralmente spazzato via). Ho disegnato, ai piedi della montagna stilizzata, il segno grafico riprodotto dall’elettrocardiografo che rappresenta il pulsare del cuore, l’ultimo battito di vita generato di tutte le esistenze interrotte di tutti coloro che non hanno potuto prevedere una simile catastrofe, né mettersi in salvo ma anche il battito di vita di chi si è salvato. Onore a tutti coloro che in quei giorni hanno dato prova di coraggio e sacrificio per salvare quante più vite possibili”. “Ama la vita più della sua logica, solo allora ne capirai il senso” (Fëdor Dostoevskij – Scrittore e filosofo russo; 1821 – 1881).

LUI CHI E’ – “Io sono un semplice appassionato dell’Arte grafica – spiega Roberto Lancia – da molto tempo. All’età di circa 8 anni, per ore ed ore completavo intere agende settimanali con le avventure disposte a strip di un personaggio creato da me: ‘Bottiglino’, una sorta di fiasco con il collo squadrato e gli occhi grandi. Ho mantenuto nel tempo questa passione, realizzando numerose vignette (tutte in bianco e nero) sul posto di lavoro, rivolte a colleghi e dirigenti. Poi ho deciso di aprire questo sito internet e di inserire le mie creazioni. Non ho frequentato accademie, scuole o corsi; cerco solo di migliorare mantenendo viva la mia curiosità, ascoltando consigli, leggendo libri e manuali, osservando con umiltà, attenzione e rispetto le modalità di lavoro di tantissimi artisti e, soprattutto, tenendo a mente che gli errori compiuti servono per andare avanti. Sempre”.

Vignetta: LanciaComics ©

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*