Home / Archivio / Smaltimento rifiuti sanitari pericolosi e non, Lega: “In Umbria spendiamo il doppio rispetto alle altre regioni?”
fiorini regione umbria

Smaltimento rifiuti sanitari pericolosi e non, Lega: “In Umbria spendiamo il doppio rispetto alle altre regioni?”

Quanto costa ai cittadini di Terni e Perugia lo smaltimento dei rifiuti sanitari pericolosi e non? E’ vero che in Umbria spendiamo per tale pratica più del doppio rispetto ad altre regioni? Perché accade questo? Domande a cui il consigliere regionale della Lega Umbria, Emanuele Fiorini, vuole dare delle risposte.

“Ho inviato all’amministratore unico di Umbria Salute – spiega Fiorini – una richiesta di accesso agli atti al fine di aver documentazione relativa alla gara di appalto bandita il 1 luglio 2016, con oggetto “affidamento del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti sanitari pericolosi e non, occorrente alle aziende ospedaliere di Perugia e Terni e alle Ausl Umbria 1 e Ausl Umbria 2”. A quanto mi risulta, anche se si tratta di dati che vorrei confermare appena mi saranno forniti tutti i documenti – continua il consigliere leghista – nella nostra regione paghiamo circa 2 euro al chilo per lo smaltimento dei rifiuti sanitari pericolosi e non, mentre nel resto d’Italia la spesa è di circa 90 centesimi al chilo. Ciò significa che in Umbria paghiamo più del doppio rispetto alla media nazionale. Un dato non di poco conto considerato che complessivamente si parla di milioni di euro pubblici in più sborsati per un servizio che dovrebbe costare la metà e che magari potrebbero essere reinvestiti nella sanità regionale, impiegati per assunzioni, per migliorare i servizi o risolvere le numerose criticità denunciate ogni giorno dai cittadini”.

Foto: TerniLife ©

PrintFriendly and PDF