Home / Archivio / Il dopo voto di Andrea Rosati: “Ora dobbiamo rimboccarci le maniche “
Andrea_Rosati

Il dopo voto di Andrea Rosati: “Ora dobbiamo rimboccarci le maniche “

“A conclusione di questa prima tornata elettorale che avrà il suo compimento nel ballottaggio del 24 giugno, – scrive in una nota Andrea Rosati di lista civica “Prima Terni” – desidero esprimere un ringraziamento sentito a tutti coloro che mi hanno sostenuto, alle persone, tanti cittadini, che ho conosciuto per strada facendo campagna elettorale nelle varie zone della città. Ma desidero in modo particolare ringraziare tutti i candidati della lista “PRIMA TERNI”, donne e uomini che in maniera libera e con elevato impegno e spirito di sacrificio, si sono adoperati per portare un contributo significativo a quella che io stesso ho considerato e continuo a considerare come una “missione” per la rinascita di questa città, la nostra Terni, oggi fin troppo ingrigita per colpa di una politica cieca e disastrosa”.

“Sono convinto – continua – di aver unito persone competenti e oneste che potranno continuare a dare ancora molto a questa città. Il nostro è comunque un risultato notevole considerando che siamo partiti da zero, senza strutture alle spalle e soprattutto liberi da vincoli di partito a differenza di altre liste civiche “stampelle” e non “indipendenti” come “PRIMA TERNI”.

In appena cinque settimane, solo con le nostre forze, con un nome e un simbolo completamente nuovi, abbiamo raggiunto una percentuale importante e rappresentativa. Da questa esperienza ne esco sicuramente arricchito, anche se un po’ preoccupato per la situazione di abbandono e degrado in cui si trova la città. Per questo ora dobbiamo rimboccarci le maniche da subito senza mai perdere la speranza. Il vento del cambiamento soffia forte! Noi crediamo nella nostra splendida terra, nella bontà e nella voglia di fare delle persone, crediamo nella nostra volontà di ascoltare e cercare soluzioni adoperandoci affinché si realizzino per una fase di rinascita”.

Foto: (archivio) TerniLife ©

PrintFriendly and PDF