Home / Archivio / Street art contro il degrado, i murales abbelliscono la città
received_1762212187204373

Street art contro il degrado, i murales abbelliscono la città

(R. F.) L’unica cosa che fa dire “wow” a Terni sono i murales che tentano di abbellire la città. Il progetto #solocosebelle presenta il secondo murale “Save our souls” a firma della artista MP5 domani, giovedì 10 maggio alle ore 19.30 con aperitivo e a seguire ore 21 accensione dell’illuminazione.

Questo è il secondo appuntamento per il progetto #Solocosebelle del Comune di Terni che, nell’ampio programma di rigenerazione urbana, ha dato il via ad un piano volto alla valorizzazione e innesto della street art nel proprio tessuto cittadino.

Arte urbana per eccellenza, e a Terni, grazie alla direzione artistica di Chiara Ronchini arte contemporanea-CRAC, sono stati chiamati artisti di fama nazionale e internazionale.

Il primo murale è stato realizzato dall’artista UNO, Camouflage 05100, sulla facciata della palazzina degli uffici informazione e accoglienza turistica di via Primo Maggio. L’azione artistica studiata e progettata per la facciata di via Alceo Massarucci, è a tutti gli effetti un intervento per la rigenerazione di un brano di città attraverso la cultura contemporanea.

Un atto creativo, dunque, che vuole attribuire colore e socialità a spazi silenti e abbandonati. Via Alceo Massarucci, dove ha luogo l’istallazione, è una via centrale, che lambisce tre scuole: Leonardo Da Vinci (struttura di Mario Ridolfi), Liceo Classico Tacito, Primaria Anita Garibaldi, facendosi spazio ideale di riferimento per bambini, giovani ed adolescenti.

Un luogo d’incontro, chiamato a nuova e luminosa vita grazie all’arte. L’autore MP5, nella progettazione e realizzazione di “Save our souls” ha operato tenendo conto dell’architettura circostante, con accurata ricerca della storia cittadina e del quartiere, coerentemente con le azioni e i segni urbani precedenti.

Nell’opera realizzata c’è l’equivocità percettiva fra l’affondare e l’affiorare. Un’immagine ormai tristemente familiare, che riempie di continuo la cronaca più drammatica, diventa una statua di epoca classica che assurge ad allegoria di un Umanesimo filosofico e culturale che chiede di essere salvato per non sprofondare nell’oblio.

“Il naufragio è quello della civiltà. Della cultura, della solidarietà. Anche nel contesto più quotidiano che continuiamo a definire democratico ed evoluto gli stessi valori vengono continuamente messi in pericolo. Le minoranze, le realtà che lavorano nella difesa dei diritti e nell’innovazione culturale, le politiche ambientali, vengono sistematicamente emarginati da politiche miopi e lasciate morire da una comunità ormai completamente egoriferita ed anestetizzata”.

Fondamentale alla realizzazione dell’opera è stata la partnership di ASM Terni S.p.A che, in linea con il proprio impegno per la valorizzazione dei monumenti e dei brani più significativi ed identitari della città, ha sostenuto l’iniziativa anche con un progetto di illuminazione dedicato.

L’opera è stata possibile grazie all’impegno e alla passione di tante persone. Tutti condomini del fabbricato di via Primo Maggio 60/66, l’amministratore Ottavi, la Pasticceria Marchetti di Ivana Marchetti.

Per la realizzazione sono state usate le vernici Antonini Vernici Terni facendo sinergia con le realtà del territorio. MP5 è un’artista italiana nota per il suo incisivo stile di disegno in bianco e nero che utilizza in numerosi e differenti media. Le sue immagini danno forma a miti contemporanei che sottendono una visione critica e politicamente impegnata della realtà.

Nata a Napoli, studia scenografia per il teatro a Bologna e animazione presso la Wimbledon School of Art di Londra. Attualmente vive tra Roma e Parigi. Attiva fortemente nella scena underground e nella controcultura in tutta Europa, MP5 negli ultimi dieci anni ha strettamente legato il suo lavoro soprattutto alla scena queer e femminista. Dagli studi di scenografia deriva un legame stretto e duraturo con il teatro di ricerca, rintracciabile soprattutto nelle sue installazioni audio/video, ma che continua ad influenzare anche i suoi interventi murali.

Ha pubblicato illustrazioni su settimanali e magazine come Internazionale, Le Monde Diplomatique, Linus, Il Male, Il Mucchio e per case editrici come Laterza, la spagnola Norma editorial, la francese La Boite à boulle, la tedesca Schreiber & Leser. Ha inoltre disegnato per manifestazioni (tra i lavori più recenti quelli per Non Una di Meno), per festival internazionali di danza e teatro.

I suoi lavori murali di grandi dimensioni sono dislocati in tutta Europa: Spagna, Francia, Germania, Italia, Croazia, Slovenia e Svezia. Le sue opere e installazioni sono state esposte in festival e musei nazionali ed internazionali come la XII Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo, il Teatro di palazzo Grassi di Venezia, La Condition Publique di Roubaix, il Theatre National di Bruxelles, la Triennale di Milano e il Macro di Roma.

Nel 2013 ha rappresentato l’Italia per il progetto La Tour 13 di Parigi e nel 2016 ha tenuto la sua prima mostra personale italiana alla galleria Wunderkammern di Roma. Ha collaborato con la galleria Lazarides di Londra, con la designer e gallerista Agnes B e con Il regista Abel Ferrara.

Ha inoltre creato, in collaborazione con il musicista e compositore Teho Teardo, lo spettacolo di animazioni e musica Phantasmagorica, presentato in diversi festival in Europa.

Nel 2016 il suo murale The Root of Evil è stato scelto da Widewalls, una delle più riconosciute community della street art, come uno dei 20 più bei murales del mondo.

I suoi lavori sono stati recensiti su numerose testate internazionali tra cui Vogue Italia, la Repubblica, D donna, Cosmopolitan China, Juxtapoz, Rolling Stone Italia, Wooster Collective. MP5 ha pubblicato tre libri: Changes (ed. GRRRzetic 2016), Palindromi (ed. GRRRzetic 2012) e Acqua storta (dal libro di L.R.Carrino, ed. Meridiano Zero 2010, pubblicato anche in Germania con il nome “Der Frevel am Altar der Heiligen Klara”), per il quale ha vinto il premio come miglior disegnatrice italiana al Napoli Comicon.

Foto: TerniLife ©

 

PrintFriendly and PDF