Home / Archivio / No alla violenza di genere: al via il corso specialistico | FOTO
saluti Naticchioni

No alla violenza di genere: al via il corso specialistico | FOTO

“La violenza contro le donne è un fenomeno che ci vede tristemente protagonisti, in Umbria come in Italia, e che è quasi ‘costituente’ dell’essere donna o uomo nella società. Per questo dobbiamo essere in grado di mettere in atto un’azione coordinata e consapevole, cominciando con il far crescere la cultura dell’attenzione al fenomeno perché altrimenti è difficile far crescere quella della prevenzione e per la migliore efficacia della protezione e della presa in carico delle vittime”. Lo ha sottolineato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, intervenendo stamattina all’incontro con cui a Villa Umbra, sede della Scuola umbra di amministrazione pubblica, si è aperto il corso specialistico di formazione e aggiornamento rivolto alle operatrici e agli operatori della rete dei servizi di contrasto alla violenza di genere, in attuazione di uno dei punti fissati dal “Protocollo unico regionale per la realizzazione del Sistema regionale di contrasto alla violenza di genere” firmato nel gennaio scorso da 41 soggetti coinvolti, a vario titolo, nella rete antiviolenza tra i quali la Regione, le Prefetture, le Questure, i Tribunali, le Forze dell’Ordine, le Aziende sanitarie, i Comuni, le Associazioni.

“Un percorso che ci vede lavorare insieme – ha detto la presidente – in una regione che presenta numeri assoluti molto elevati e ha conosciuto vicende efferate, di una drammaticità totale, intervenendo non tanto sugli episodi accaduti, come spesso è stato in passato, quanto per non farci trovare impreparati nel cogliere quanto ci accade vicino. I miei ringraziamenti – ha aggiunto – vanno al Prefetto di Perugia e a tutti i soggetti che, attraverso il Protocollo regionale, hanno deciso di dialogare fra loro e condividere un approccio che nasce da esperienze diversificate, lavorando in maniera coordinata, in sinergia, mettendo a disposizione le proprie competenze”.

“Le istituzioni – ha detto ancora –  si mettono in gioco sul piano della programmazione e delle politiche, con un insieme articolato che va dai servizi per il lavoro a quelli sanitari e sociali, all’istruzione, ai servizi dedicati quali i Centri antiviolenza, le case rifugio e i punti di ascolto. Importante è il ruolo svolto dalle Zone sociali, dagli operatori della scuola così come lo sforzo e la disponibilità a lavorare insieme da parte della magistratura e delle forze dell’ordine che abbiamo sperimentato anche sul fronte della tutela dei minori”.

“Il nostro obiettivo per il 2018 – ha concluso la presidente Marini rivolgendosi ai partecipanti al corso – è quello di impegnarci affinché sia ridotto drasticamente il fenomeno della violenza di genere, diffuso anche fra i giovanissimi. Noi ci investiamo e crediamo molto nella vostra capacità di interagire per innalzare il grado delle azioni, delle politiche e dei risultati”.

Il prefetto di Perugia, Raffaele Cannizzaro, ha sottolineato che “non c’è strumento più utile ed idoneo per mettere insieme energie, forze competenze, linguaggi come il Protocollo unico siglato nel gennaio scorso per la costituzione di una rete contro la violenza di genere e di cui la formazione è fra gli aspetti più importanti. Il Protocollo – ha proseguito – è uno strumento di lavoro non solo essenziale, ma prezioso, con quattro regole base: la condivisione di una visione, metodi, linguaggi e soprattutto la condivisione di obiettivi. Con uno sforzo comune tende ad attivare iniziative, formare persone, a uniformare comportamenti ed azioni, a rendere l’approccio degli operatori sempre più consapevole, responsabile e attento”.

L’importanza “del dialogo fra più soggetti, di far rete, della circolarità di notizie per avere informazioni più dettagliate e veloci e definire, nel caso degli uffici giudiziari, l’applicazione nei tempi più brevi delle misure più efficaci” è stata sottolineata da Claudia Matteini, delegata del Presidente della Corte d’Appello, che ha ricordato anche la positiva esperienza del corso formativo sulla tutela dei minori nel rapporto tra sistema sociale, sociosanitario, sanitario e giustizia, la cui prima edizione si concluderà domani a Villa Umbra.

“L’Umbria – ha detto l’amministratore unico della Scuola umbra di amministrazione pubblica, Alberto Naticchioni – si dimostra sempre all’avanguardia nei percorsi che qualificano le comunità locali e migliorano la qualità della vita in Umbria. In questa direzione va il corso specialistico avviato oggi e che affronta un problema di grande drammaticità, se si pensa che negli ultimi dieci anni ci sono stati circa 1200 omicidi di donne e circa 2000 orfani in Italia. Occorre un approccio integrato, che comprenda anche la tutela dei minori e le politiche giovanili. La Scuola è pronta per un Tavolo integrato che metta insieme questi percorsi formativi”. Il percorso formativo è stato illustrato dal dirigente regionale Stefano Strona.

La formazione, che si articola in percorso base, i percorsi specialistici, i seminari e la supervisione, in base alla legge regionale per la prevenzione e il contrasto alla violenza di genere, deve essere “integrata e multidisciplinare e avere l’obiettivo di concretizzare una fattiva collaborazione tra tutti gli operatori che seguono la donna nel percorso di fuoriuscita dalla violenza, portandoli alla consapevolezza di essere inseriti di un percorso unico ma complesso, in cui ogni azione è da considerarsi parte di un più ampio sistema”.

Il percorso specialistico, che ha riscosso un successo superiore alle aspettative tanto che è stata necessaria fare una selezione poiché sono previsti cento iscritti al corso, si è aperto oggi con i saluti istituzionali e le relazioni di Teresa Bruno, presidente dell’Associazione Artemisia di Firenze, psicologa e psicoterapeuta, e di Elvira Reale, psicologa e responsabile del Centro Dafne Codice Rosa dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Tre gli incontri plenari previsti; il percorso formativo proseguirà fino a ottobre in gruppi suddivisi per tre aree: sociale, sanitaria e giuridica.

Destinatari della formazione (articolata in corso specialistico e corso base), operatrici e operatori di giustizia (Avvocate/i, forze dell’ordine, polizia locale, magistratura e polizia giudiziaria); dei servizi sanitari di emergenza (Pronto soccorso Usl 2, Aziende ospedaliere di Perugia e Terni, 118); operatrici e operatori sanitari (Medici di medicina generale, pediatre/i di libera scelta, psichiatre/i, farmaciste/i, ginecologhe/i, ostetriche/i, operatrici/tori dei consultori); operatrici e operatori sociali (assistenti sociali, educatrici/tori, mediatrici/tori culturali, psicologhe/i, psicoterapeute/i); operatrici dei Centri antiviolenza, del Telefono Donna, del servizio di risposta telefonica H24 al n. verde 800861126, degli sportelli CAV/punti di ascolto territoriali; mediatrici linguistico-culturali; operatrici e operatori educativi e scolastici, compresi le/i docenti di ogni ordine e grado; operatrici e operatori dei servizi pubblici per il lavoro; componenti di associazioni femminili e femministe e gruppi di donne, anche informali; operatrici degli sportelli di ascolto; responsabili/operatrici di gruppi sociali anche informali.

Foto: AUN ©

PrintFriendly and PDF

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>