Home / Archivio / Il nido Cucciolo apre le porte della nuova sede: sabato in via del Mandorlo
cucciolo

Il nido Cucciolo apre le porte della nuova sede: sabato in via del Mandorlo

Sarà presentato sabato 18 novembre, dalle 15, il nido d’infanzia Cucciolo che apre le porte della nuova sede di via del Mandorlo, 10, proponendo un pomeriggio di festa con giochi e laboratori.

“Un ulteriore passo in avanti lungo il percorso di potenziamento dei servizi e il sostegno alle famiglie – dichiara l’assessore alla scuola Tiziana De Angelis – grazie al trasferimento del nido comunale Cucciolo in un luogo di dimensioni maggiori, al fine di ampliare il numero dei posti disponibili e rendere comunque più confortevole la struttura”.

I lavori, in stretta collaborazione con l’Ater, proprietaria dell’immobile, si sono svolti nel corso dell’estate e il servizio ha aperto al pubblico l’11 settembre.

“Grazie al piano per lo sviluppo del Sistema territoriale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia della Regione Umbria (DGR n 1243 del 03/11/2016) – continua l’assessore – il comune di Terni ha potuto usufruire di 73 mila euro per adeguare e ammodernare la struttura e l’adiacente giardino, al fine di organizzare gli spazi interni ed esterni in funzione delle esigenze educative proprie della fascia di età 0-3. La scelta della Zona di Campitello, quale sede per il nuovo asilo nido, risulta strategica per riqualificare la proposta educativa dei servizi comunali in un’area della città in costante espansione, caratterizzata da un’alta densità di residenti e da una significativa percentuale di giovani famiglie.

L’Amministrazione si è posta come obiettivo il potenziamento dell’offerta per sostenere la conciliazione dei tempi di cura delle famiglie residenti nei comuni della Zona Sociale n°10 e particolarmente favorevole per quanti risiedono nei comuni limitrofi e che si spostano a Terni per motivi di lavoro, riservando loro il 15% dei posti disponibili della nuova struttura. L’aumento dei servizi e il loro potenziamento – conclude la De Angelis – rientrano in un’oculata programmazione che riconosce la persona come bene primario”.

Foto: (archivio) TerniLife ©

 

PrintFriendly and PDF