RIETILIFE TV
SABINA UNIVERSITAS
AUTOQUATTRO fino a sett.2017
AVIS fino a 30.04.18
GUIDAMI
Home / Archivio / Lugnano dona all’archeologo Soren l’ulivo della collezione mondiale
lugnano-in-teverina

Lugnano dona all’archeologo Soren l’ulivo della collezione mondiale

Un ulivo della collezione mondiale di Lugnano della varietà Mission coltivato in California, è stato donato dal Comune a David Soren, l’archeologo scopritore del sito di Poggio Gramignano ospite in questi giorni dell’amministrazione.

La visita di Soren è stata anche l’occasione per impostare i progetti di recupero della chiesa di Sant’Andrea dove sorgerà anche il museo archeologico internazionale con i reperti dell’area dove è stata individuata anche la necropoli dei bambini.

“Siamo fortemente impegnati – affermano il sindaco, Gianluca Filiberti, e il capogruppo di maggioranza, Alessandro Dimiziani a proposito della chiesa – alla realizzazione di questo progetto che prevede nel primo step la messa in sicurezza dei locali, ormai fatiscenti e pericolanti, e la progettazione.

Nel secondo invece si procederà all’intervento di restauro e nel terzo alla realizzazione del museo archeologico sulla Villa Romana di Poggio Gramignano. Questo intervento – proseguono – è reso possibile grazie al forte interessamento di Soren che, con grande tenacia, ha trovato gli investitori giusti anche fra le fondazioni americane legate all’Università dell’Arizona”.

La visita di David Soren, riferisce sempre il Comune, è la conclusione della prima fase di studio che già nella prima metà di settembre aveva visto uno stage di architettura con gli studenti dell’Università dell’Arizona i quali per quattro giorni erano stati a Lugnano per il progetto di restauro della chiesa diretti dall’architetto Darci Halzebaker, docente presso il Collegio University Arizona di Architettura, Pianificazione e Architettura del Paesaggio. Oltre ai sopralluoghi alla chiesa di Sant’Andrea, Soren ha visitato anche l’Antiquarium di Baschi e il sito archeologico di Scoppieto, accompagnato dall’assessore regionale Giuseppe Chianella che ha mostrato interesse per il progetto.

Foto: (archivio) TerniLife ©

PrintFriendly and PDF

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>